George Floyd: verdetto storico, l’agente Chauvin condannato all’unanimità

0
182
George Floyd verdetto

Omicidio George Floyd verdetto finalmente raggiunto. L’agente Derek Chauvin dichiarato colpevole. Dopo 11 ore di seduta, la giuria si è espressa. Chauvin è stato dichiarato colpevole per tutti i tre capi d’accusa. Tra le strade americane si festeggia per la giustizia raggiunta.  

Ti suggeriamo come approfondimento – Video choc morte Floyd. Ultime parole: “Amo la mia famiglia. Sono morto”

George Floyd verdetto contro Derek Chauvin 

consiglio di stato, George Floyd verdetto Derek Chauvin è stato dichiarato colpevole per tutti i tre capi d’accusa: omicidio colposo di secondo grado, omicidio di terzo grado e omicidio non intenzionale di secondo grado. Le pene oscillano tra i 10 e 15 anni per le prime due accuse e fino a un massimo di 5 anni per la terza. La condanna però sarà dichiarata ufficialmente solo tra alcune settimane. Un verdetto che è stato raggiunto all’unanimità dalla giuria composta da nove donne e sei uomini. Una sentenza attesa, sperata e finalmente ottenuta. I manifestanti davanti al tribunale che attendevano da svariate ore, hanno potuto festeggiare. La pena della sua condanna verrà decisa solo tra 8 settimane. Si potrebbe aggirare intorno ai 40 anni di detenzione.  A dichiararla sarà lo stesso giudice che ha presieduto a questo processo.

Ti suggeriamo come approfondimento – Anonymous contro la polizia americana: giustizia per George Floyd

George Floyd verdetto: il processo  

biden decreti immigrazione, George Floyd verdetto Dopo aver lasciato l’America con il fiato sospeso per ore, la giura ha finalmente letto in diretta il verdetto sull’afroamericano George Floyd ucciso quest’estate durante il suo arresto. Sul banco d’accusa l’agente Derek Chauvin accusato di omicidio involontario di secondo grado per aver bloccato Floyd al suolo con il proprio ginocchi per 9 minuti e 29 secondi impedendogli di respirare. Il processo è iniziato lo scorso 29 marzo. Tra accusa e difesa, 45 testimoni sono stati ascoltati. Prima del processo anche il presidente Joe Biden si era espresso. Ponendosi a sostegno di Floyd e della sua famiglia. “Le prove sono schiaccianti. Prego perché il verdetto sia un verdetto giusto.” Dopo la sentenza, il presidente ha poi contattato telefonicamente la famiglia Floyd. “Non c’è niente che possa far andare meglio le cose, ma almeno c’è giustizia. La condanna è un passo gigante nella lotta contro il razzismo.” 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 + 12 =