Germania alle strette con il Covid, presto terze dosi: “Non curiamo i NoVax”

0
319
germania terza dose vaccino
In copertina Angela Merkel, fonte: YouTube

Per la Germania terza dose vaccino è una misura imprescindibile da adottare per abbandonare questo lungo periodo di pandemia. La quarta ondata si sta ingigantendo sempre più, preoccupando virologi esperti e gente comune. Pertanto si seguirà il modello israeliano, e il Presidente della Turingia ha minacciato i No Vax di non fornire più loro assistenza medica e sanitaria.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid, sale il tasso di positività. ISS: “A rischio tutte le regioni”

Germania terza dose vaccino: “Sono settimane difficili”

Merkel lockdown Pasqua
Besuch Bundeskanzlerin Angela Merkel im Rathaus Köln

In Germania il Robert Koch Institut, ministero responsabile del controllo delle malattie infettive, ha registrato dati allarmanti. In sole 24 ore sono stati scoperti 37.120 casi di contagio da Covid-19 nella giornata del 4 novembre. Ben 154 di questi sono deceduti a causa del virus, e l’indice di ospedalizzazione è in crescita. Si tratta del dato più alto dall’inizio dello stato d’emergenza e, di conseguenza, del record settimanale più alto. Lo stesso Ministro della Salute Jens Spahn ha esplicitamente dichiarato che “davanti a noi abbiamo settimane difficili”. Il giusto contrasto a questa terribile quarta ondata è dato dal vaccino. Le terze dosi andranno somministrate a sei mesi di distanza dalle seconde, seguendo il modello israeliano, che ha adoperato questo sistema per la prima volta. Il Presidente della Turingia, Bodo Ramelow, ha sentenziato che si rifiuterà di curare i non vaccinati negli ospedali. Tale misura è stata approvata da Angela Merkel.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid De Luca vs Figliuolo: “Terza dose fornita a tutti, non per fasce d’età”

Germania terza dose vaccino: prossimamente il modello austriaco?

de luca covid natalePare però che la cancellazione dei No Vax dalle strutture ospedaliere riguardi solo una piccola fetta della società tedesca. Di tutti coloro che hanno già ricevuto due dosi di vaccino, il 70% è favorevole all’obbligo della terza dose. Il 18% si dichiara contrario a tale misura, mentre il 5% si dice ancora indeciso. La situazione sembra gravitare verso il lockdown austriaco. Infatti, i No Vax non potranno più accedere a ristoranti e hotel, eventi culturali, iniziative sportive e ogni tipologia di attività per il tempo libero.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × tre =