Napoli ricorda Giancarlo Siani: compleanno, fondazione e sala alla memoria al PAN

0
318
Giancarlo Siani

NAPOLI – Sono trascorsi oramai 34 anni dal giorno dell’omicidio del cronista Giancarlo Siani. Da allora, anche se la sua penna ha smesso di scrivere, la sua memoria non svanisce. In ricordo del giornalista, quest’anno, si sono svolte molteplici manifestazioni. Si sono celebrati il suo 60° compleanno, l’inaugurazione della nuova Fondazione Giancarlo Siani e la realizzazione di una sala alla memoria al museo PAN di Napoli.

Ti consigliamo come approfondimento – Dario Scherillo: le iniziative della famiglia per tener viva la sua memoria

Giancarlo Siani, celebrare la vita

giancarlo sianiIl primo evento è stato una vera e propria festa di compleanno. Il 19 settembre, giorno della sua nascita, l’associazione Studenti Contro la Camorra ha organizzato l’ottava edizione di “Buon compleanno Giancà”, in collaborazione con Radio Siani e la testata giornalistica il Mattino, che presta l’esterno della sede per la manifestazione. L’obiettivo è quello di andare oltre la consueta commemorazione ricordando solo la cronaca dell’accaduto. Invece, celebrando la vita, ricordando le passioni, si possono ispirare le nuove generazioni.

Quest’anno la manifestazione si è arricchita con un contest giornalistico dal titolo “Giancarlo avrebbe scritto di”. Liberi cittadini, immedesimandosi in giovani giornalisti, hanno scritto e letto storie di degrado e riqualificazione del territorio, proprio come avrebbe fatto Giancarlo. Tra questi, 5 articoli sono stati scelti e pubblicati sui canali online delle collaborazioni.

Ti consigliamo come approfondimento – Gaetano Montanino: la moglie Lucia racconta il suo impegno in questi 10 anni

Giancarlo Siani, inaugurazione della sala al PAN

Giancarlo SianiLunedì 23 settembre, giorno dell’uccisione, il primo appuntamento è alle 9:30, presso le Rampe Siani a Napoli, per la deposizione dei fiori. A seguire, al Museo PAN si è inaugurata la sala alla memoria intitolata a Giancarlo Siani. Su una parete è esposto un collage di foto che esprime la passione del giovane per la vita, gli amici e la famiglia. Al centro della sala, invece, la sua Mehari, l’inseparabile auto, in cui perse la vita nell’agguato camorristico.

L’inaugurazione della sala alla memoria è stato uno dei momenti cardini della giornata. Il sito “sarà la sala di tutte vittime innocenti di mafia e del riscatto di Napoli” dichiara all’apertura il fratello del giovane, Paolo Siani. Infatti, sulle pareti della sala si ritrovano i volti di tutte le vittime innocenti della criminalità e dei 18 giornalisti che hanno perso la vita per la loro devozione alla ricerca della verità.

Ti consigliamo come approfondimento – Violenza sulle donne: la fondazione Polis incontra Lucia Annibali

Fondazione Giancarlo Siani, una nuova era

giancarlo sianiA un anno dall’agguato, nel 1986, nacque l’Associazione Giancarlo Siani. 34 anni di impegno, manifestazioni, battaglie in cerca di giustizia. Anni in cui parlare di Giancarlo ha ispirato tante generazioni, dentro e fuori le scuole. Nel tempo gli sono stati intitolati strade, scuole, sale e due premi importanti. Il primo è il premio giornalistico Giancarlo Siani, assegnato la prima volta nel 1997 e poi, a partire dal 2004, divenuto un incontro annuale. il secondo è la borsa di studio destinata ai ragazzi delle scuole.

Il 23 settembre 2019, questo lungo percorso trova continuità e stabilità nella nascita della Fondazione Giancarlo Siani ONLUS. Si tratta di una nuova voce che continuerà a diffonderne la memoria. Il focus sarà sempre rivolto ai giovani, anche grazie alla visione di Gianmario e Ludovica, figli di Paolo Siani. “Adesso saranno loro a tenere vivo il ricordo di quel ragazzo che voleva solo fare il giornalista“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here