Giffoni Film Festival si fa in 4: ecco tutti gli appuntamenti

0
276
giffoni film festival
Fonte: pagina facebook "Giffoni Film Festival"

Quest’anno il Giffoni Film Festival si terrà in 4 momenti diversi, diviso per fasce d’età. Il primo incontro sarà dal 18 al 22 agosto, il secondo dal 25 al 29 agosto, il terzo tra settembre e novembre per poi concludere con l’ultimo evento che si terrà dal 16 al 30 dicembre.
L’edizione di quest’anno coincide con il 50° anniversario del film festival.

Ti consigliamo questo approfondimento – In arrivo due film sul teatro napoletano

Giffoni Film Festival: la partenza è magica

giffoniGiovedì 16 luglio l’inizio della manifestazione partirà con la celebrazione del 50ennale del festival. Il primo film a essere proiettato sarà Onward – Oltre la magia. Diretto da Dan Scanlon e prodotto da Kori Rae (già in coppia per Monsters University). Tra le voci italiane troviamo: Sabrina Ferilli (Laurel Lightfoot), Fabio Volo (Wilden Lightfoot), Favij (spiritello), Raul Cremona (apprendista stregone) e David Parenzo (cameriere). Saranno 33 le pellicole trasmesse nel primo periodo: 14 lungometraggi e 19 cortometraggi.
“La voglia di ripresa è forte ed è sempre più sentito dai ragazzi il bisogno di tornare in sala e venire stupiti dalla magia e dal fascino Pixar che, di generazione in generazione, non hanno mai deluso le aspettative. Giffoni non poteva che iniziare in un modo così eccezionale e con un partner tra i più prestigiosi al mondo”, queste le parole Claudio Gubitosi direttore di Giffoni opportunity.

Ti consigliamo questo approfondimento – Film a spasso per la città

Giffoni Film Festival: i film in programmazione

giffoni film festival
Fonte: pagina facebook “Giffoni Film Festival”

Ecco le pellicole in programmazione per la prima trance (18/22 agosto) del Giffoni Film Festival saranno:

  • Beast beast (USA) di Danny Madden;
  • Black Conflux (Canada) di Nicole Dorsey
  • Last visit (Arabia Saudita) di Abdulmohsen Aldhabaan;
  • Naked animals (Germania) di Melanie Waelde;
  • Here are the young men (Irlanda) di Eoin MacKen;
  • Our lady of the nile (Francia, Belgio, Rwanda) di Atiq Rahimi;
  • Just kids (Francia, Svizzera) di Christophe Blanc;
  • Schiavonea (Italia) di Natalino Zangaro;
  • Cuban heel shoes (Spagna) di Julio Mas Alcaraz;
  • 90% (Germania) di Jerry Hoffmann;
  • Mamman (Svezia) di Farzad Farzaneh;
  • Jamila (Svezia) di Sophie Vuković;
  • Wilma (Islanda) di Haukur Björgvinsson;
  • Ropeless (Italia), Andrea Carrino
  • Auerhouse (Germania) di Neele Leana Vollmar;
  • Calm with horses (Gran Bretagna, Irlanda) di Nick Rowland;
  • Goddess of the fireflies (Canada) di Anaïs Barbeau-Lavalette;
  • Kids run (Germania) di Barbara Ott;
  • Pacified (Brasile) di Paxton Winters;
  • Rosa pietra stella (Italia) di Marcello Sannino;
  • The sleepwalkers (Argentina, Uruguay) di Paula Hernández;
  • A devil in the pocket (Francia) di Antoine Bonnet e Mathilde Loubes;
  • Bube maises (Israele) di Or Levy;
  • Daughter (Repubblica Ceca) di Daria Kashcheeva;
  • Dry sea (Belgio) di Yves Bex e Bart Bossaert;
  • How my grandmother became a chair (Libano) di Nicolas Fattouh;
  • Iron me (Francia) di Ivan Rabbiosi;
  • The midnight freak train (Regno Unito) di Joseph Derrick e Samuel Elphick;
  • On the beach (Slovacchia) di Samuel Chovan;
  • Reflection (Spagna) di Juan Carlos Mostaza;
  • Sura (Corea) di Jeong Hae-ji;
  • Themes (Croazia) di Danijel Žeželj;
  • Ties (Germania) è un film di Dina Velikovskaya.
Ti consigliamo questo approfondimento – La Bocconi studia il festival campano

Giffoni Film Festival: le misure per l’emergenza sanitaria

Fonte: pagina facebook “Giffoni Film Festival”

Il Giffoni è il festival italiano per eccellenza. Ogni anno in media ospita 400000 spettatori e 7000 giudici da 50 paesi del mondo diverso. Ma quest’anno, a causa del Coronavirus, il festival ha colto l’occasione per cambiare volto. Tra le novità c’è la necessità di mantenere la distanza: tramite le dirette streaming i film verranno trasmessi in 17 nazioni diverse, creando degli hub di ritrovo simili a delle ambasciate italiane. L’obiettivo è di collegare tutto il mondo nonostante la distanza, dando la possibilità a tutti i giffoners di poter partecipare e visionare il loro festival preferito. Nel festival ovviamente non mancheranno misure di sicurezza, mascherine e posti limitati, in modo da garantire la partecipazione a tutti durante le quattro parti dell’evento di quest’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here