Giornata nazionale vittime Covid: Draghi a Bergamo per la cerimonia

0
281
giornata nazionale vittime covid

La Giornata nazionale vittime Covid ricorre oggi, 18 marzo, per celebrare la memoria di tutti coloro che hanno perso la vita nel corso di quest’anno, a causa del Coronavirus. Ad oggi sono 103 mila le vittime solo in Italia. Tanti hanno dovuto combattere per restare in vita, tanti altri ancora hanno perso amici, parenti, fratelli, genitori. La cerimonia istituzionale si svolgerà a Bergamo. Vi sarà la partecipazione del presidente del Consiglio dei ministri, Mario Draghi.

Ti consigliamo come approfondimento – Anniversario dell’Unità di Italia: 160 anni dalla nascita dello Stato italiano

Giornata nazionale vittime Covid: la cerimonia

Lorenzin gaffe giornata nazionale vittime covidLa cerimonia per celebrare la Giornata nazionale vittime Covid si terrà stamane e si svolgerà in due momenti principali:

  • Alle 11:00 verrà deposta una corona di fiori al cimitero Monumentale di Bergamo;
  • Alle 11:15 al Parco Martin Lutero alla Trucca si svolgerà l’inaugurazione del Bosco della Memoria, dove verranno piantati i primi 100 alberi.

Durante la commemorazione sono previsti saluti e interventi istituzionali. La Presidenza del Consiglio ha richiesto l’esposizione a mezz’asta della bandiere italiana e di quella europea sugli edifici pubblici. Inoltre, il Presidente dell’Anci – Associazione nazionale comuni italiani – ha chiesto a tutti i sindaci del Paese un minuto di silenzio davanti alla bandiera nazionale, in concomitanza con la cerimonia di Bergamo. Le immagini della cerimonia verranno trasmesse su Rai e sui canali ufficiali della Presidenza del Consiglio.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid, nata prima bimba con anticorpi. La mamma vaccinata in gravidanza

Perché il 18 marzo

giornata vittime covid giornata nazionale vittime covidDurante la mattinata di ieri, 17 marzo, è arrivato il via libera definitivo con l’approvazione all’unanimità della commissione Affari costituzionali del Senato del ddl che istituisce questa giornata, carica di valore. Il 18 marzo dell’anno scorso un’immagine viene trasmessa su tutti i media italiani: a Bergamo i carri dei militari trasportavano bare con centinaia di defunti in attesa di una sepoltura, verso i forni crematori fuori dalla regione. Un’immagine che ha scosso l’intero Paese, tutt’oggi non ancora uscito da quest’incubo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

7 − 3 =