Giorno della memoria: “Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario”

0
93
Negazionismo giorno della memoria

Il 27 gennaio è la data scelta per ricordare gli orrori di uno dei più grandi e terribili genocidi della storia. Nel 2005, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite istituì la Giornata internazionale di commemorazione in memoria delle vittime della Shoah, in occasione dei 60 anni dalla liberazione dei campi di concentramento. In Italia il Giorno della Memoria fu ufficializzato nel 2000, 5 anni prima della risoluzione ONU. Il Giorno della Memoria è un momento di riflessione sul passato, perché si comprenda il significato profondo di quanto accaduto e non lo si ripeta mai più. 

Ti consigliamo come approfondimento – Topolino racconta la musica lirica in memoria di Giuseppe Verdi

Giorno della Memoria, perché si celebra il 27 gennaio?

auschwitzLa data scelta non è affatto casuale. Infatti, il 27 gennaio 1945 le truppe sovietiche dell’Armata Rossa abbattevano i cancelli di Auschwitz. L’efferatezza e la crudeltà di quanto stava accadendo furono rivelate al mondo intero. Quando le truppe arrivarono il campo era stato in parte già abbandonato e distrutto dalle SS. I sopravvissuti attendevano il loro arrivo, nella cornice agghiacciante di quel che restava della fabbrica della morte: cadaveri, cumuli di abiti, scarpe, capelli, baracche fatiscenti, strumenti di tortura e morte. La follia omicida dei tedeschi era rivolta verso gli ebrei. Tuttavia, furono imprigionati e uccisi anche prigionieri politici, zingari, omosessuali, testimoni di Geova e chiunque fosse ostile al regime.

Ti consigliamo come approfondimento – Negazionisti: dalla Peste al Covid non è cambiato niente in 400 anni

Giorno della memoria: le celebrazioni

Arteterapia, coronavirus, idee in movimento, croce rossa italianaSe comprendere è impossibile, conoscere è necessario” scriveva Primo Levi. Quel dovere della memoria di cui parlava è insito nel significato della celebrazione del Giorno della Memoria. Ogni anno, in tale data, si producono eventi e iniziative di riflessione e sensibilizzazione, attraverso i media, le istituzioni e i luoghi della cultura.

Quest’anno, a causa dell’emergenza sanitaria, molti eventi si svolgeranno virtualmente. Ne è un esempio il tour virtuale del Memoriale della Shoah, sotto ai binari della Stazione Centrale a Milano. Collegandosi ai canali social del sito, sarà possibile visitare il tristemente Binario 21, principio di un viaggio di sola andata per molti, tra il 1943 3 il 1945.

Rimini, scelta come Città italiana della Memoria 2021, propone una settimana di eventi streaming in ricordo della Shoah. Anche Roma vanta un ricco programma di appuntamenti online, volti a sensibilizzare le nuove generazioni. Le celebrazioni ufficiali si terranno al Quirinale, alla presenza del Capo dello Stato e del premier dimissionario.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno + cinque =