Ancora sangue a Napoli: 19enne ferito per una rapina ed agguato a Pozzuoli nella stessa notte

0
767

Giovane ferito a Napoli intorno alle 2:00 della scorsa notte. Un 19enne è stato ferito con un arma da fuoco la scorsa notte a Miano in seguito ad una tentata rapina. Un altro episodio sanguinario a Pozzuoli, 30enne in fin di vita. Notte di sangue a Napoli.

Ti consigliamo come approfondimento- Napoli, lite durante l’asta del fantacalcio: 15enne accoltellato, è grave

Giovane ferito con arma da fuoco, la ricostruzione

Vitale Troncone agguato, Giovane ferito Giovane ferito. I Carabinieri della compagnia Stella sono intervenuti la scorsa notte presso il pronto soccorso del CTO. Un 19enne già noto alle forze dell’ordine è stato ferito con colpi d’arma da fuoco a Miano. Il ragazzo ha riportato ferite al braccio destro. Da una prima ricostruzione pare che sia stato vittima di una rapina. Il giovane al momento dell’agguato sostava in auto tra via Vittorio Emanuele III e via Mianella. I Carabinieri stanno svolgendo indagini per ricostruire l’esatta dinamica. L’episodio è avvenuto a circa un’ora da un altro agguato e a pochi giorni dalla drammatica morte di Giovanbattista Cutolo.

Ti consigliamo come approfondimento- Omicidio Giovanbattista Cutolo, il musicista aveva 24 anni: ucciso per aver parcheggiato male lo scooter

L’agguato di Pozzuoli

legittima difesa, strage ardea, Giovane feritoIl giovane ferito a Miano non è l’unico evento di sangue della notte partenopea. Ci troviamo a Pozzuoli, circa un’ora prima dei fatti di Miano. Un uomo sui 30 anni si trascina in ospedale in condizioni gravissime. Si tratta di Antonio Carnevale, uomo già conosciuto dalle forze dell’ordine esattamente come per il caso di Miano. Il 30enne si è trascinato con ferite d’armi da fuoco al pronto soccorso. E’ stato necessario sottoporlo ad un intervento chirurgico d’emergenza. Ora è ricoverato in rianimazione intubato. Carnevale è stato raggiunto da due colpi di pistola. Uno lo ha colpito ad una gamba e l’altro, quello più grave, all’addome. Arrivato al pronto soccorso intorno all’1:00 di questa notte la vittima non è stata in grado di raccontare gli avvenimenti. I Carabinieri indagano e il ragazzo è in prognosi riservata ma pare che i medici abbiano escluso il pericolo di vita.

Ti consigliamo come approfondimento- Omicidio Giovanbattista Cutolo, il papà del 17enne: “Chiedo scusa, mio figlio deve pagare!”

La vicenda Giovanbattista Cutolo non ha risvegliato le coscienze

Ucciso musicista, Giovane ferito
Foto dalla Pagina Facebook ufficiale dell’Orchestra Filarmonica Campana

Due avvenimenti sanguinari nel giro di un paio d’ore questa notte. E’ la tragedia di una delle più belle città del mondo che da una parte è madre della cultura mentre dall’altra continua ad essere macchiata dai suoi figli più ingrati. Questi due agguati giungono a pochissime ore dai funerali di Giovanbattista Cutolo. Il 24enne ucciso per futili motivi da un ragazzino armato di 17 anni. Durante i funerali di quest’ultimo la madre del giovane si lascia andare così: “La morte innocente di Giovanbattista deve servire al riscatto dell’umanità. E’ stato un crimine contro l’umanità uccidere mio figlio”. Parole forti, fortissime. Stando ai fatti dell’ultima notte di sangue Napoletana non abbastanza forti da penetrare i cuori dei criminali.