Da Gragnano, ‘O Panuozzo a Pomigliano d’Arco, è solo da T.O.M & Genny

Una promessa d'amore divenuta realtà

0
515
panuozzo
Sala interna de "O' Panuozzo da T.O.M. & Genny" con 60 posti a sedere

Cosa potrebbe mai accomunare il panuozzo di Gragnano e l’amore? Si potrebbe dire che, come poesia, il suo scrocchiare in bocca lo rende un amore per il palato. Ma non basta! Addirittura è ispiratore di promesse d’amore a Pomigliano d’Arco. Lo scopriremo insieme nella lettura di questa rubrica. Sembrerà a tutti, anche ai meno romantici, di vivere una dolce storia: quella della nascita di una delle paninoteche più note della nostra città!

Ti consigliamo come approfondimento – Pasta al Taurasi: dalla Federico II la scoperta che fa bene al cuore

‘O Panuozzo che nasce da una promessa d’amore

panuozzoL’amore è il sentimento più elevato dell’animo umano. Decantato da poeti, scrittori e letterati, riesce a smuovere i cuori più duri e a far realizzare incredibili promesse. Ne è un esempio la storia de ‘O Panuozzo da T.O.M. & Genny, risultato appunto di una “promessa d’amore” fatta da Gennaro Belliazzi, conosciuto da tutti ormai come “Genny”, alla sua amata moglie Natasha Esposito, proprietaria della paninoteca. Così, da una semplice chiacchierata con degli amici (divenuti parte integrante dello staff), dal desiderio di costruire un qualcosa di proprio, dopo tanto impegno, amore e passione, il 29 aprile 2015, in Via Roma, 27, prende vita la paninoteca che di lì a poco avrebbe conquistato tutti i cittadini di Pomigliano d’Arco e quelli dei paesi dell’hinterland: ‘O Panuozzo da T.O.M. & Genny.

Da allora, visto il grande successo, molte cose sono cambiate; a partire dal locale che un anno e mezzo fa ha rinnovato completamente, ampliando la sala da 28 sedute ai 60 posti di oggi, con un arredamento più moderno che mantiene l’originale essenza di convivialità ma con un pizzico di tecnologia; infatti ogni seduta è munita di chiavetta usb per poter ricaricare gli smartphone e molti altri comfort pensati per viziare i clienti.

Ti consigliamo come approfondimento – Bufala Campana DOP, un tesoro da oltre un miliardo

Da “T.O.M & Genny” non solo panuozzi

panuozzoIl segreto del successo per conquistare i palati esigenti dei pomiglianesi? Oltre alla passione, alla cura per il cliente e alla cordialità, la vera ricetta è la qualità. Dal panuozzo originale di Gragnano consegnato ogni mattina da un panificio della zona, agli ingredienti freschi e di stagione lavorati ogni giorno con professionalità e tanta dedizione. Dal menù ampio e per tutti i gusti che si concretizza in offerte che comprendono anche “panuzzielli” (panuozzi più piccoli) e panini da pub, fino alla famosa friggitoria con crocchè classici e crocchè di salsicce e friarielli, frittatine classiche, con porchetta di Ariccia e rosse, arancini di salsicce, funghi e zafferano. Infine, la celerità e il servizio a domicilio (non solo a Pomigliano d’Arco, ma anche a Casalnuovo e Castello di Cisterna) rendono ‘O Panuozzo da T.O.M. & Genny un punto di riferimento nella ristorazione del nostro territorio.

Cos’è il panuozzo di Gragnano?

panuozzoIl panuozzo di Gragnano è un piatto tipico della tradizione campana. Per essere precisi si dovrebbe definire street food (cibo da strada) della penisola sorrentina. Infatti viene preparato soprattutto nelle pizzerie di Gragnano e dei Monti Lattari in località come Agerola, Pimonte e Santa Maria La Carità.

Si tratta a tutti gli effetti di un maxi panino lungo circa 25 – 30 cm, prodotto con l’impasto della pizza e farcito a piacimento. La versione classica, per esempio, è imbottita con pancetta e mozzarella. La sua peculiarità è proprio l’impasto – lo stesso della pizza – e la sua cottura a forno rigorosamente a legna. Una variante, meno diffusa, prevede l’utilizzo del pane comune, nella tipologia “cafone”. Altra caratteristica che lo contraddistingue da tutti gli altri panini è la doppia cottura. La prima durante la preparazione del pane che dura circa 30 minuti; la seconda di soli 2 minuti dopo la farcitura, per amalgamare per bene tutti gli ingredienti e renderlo più croccante. La sua storia è recente: è nato infatti a Gragnano sul finire degli anni ottanta. Precisamente nel 1983, da un’idea della famiglia Mascolo che ancora oggi detiene il brevetto del prodotto e il marchio registrato dal 1996. Da quel momento in poi il panuozzo è entrato a pieno titolo tra i cibi tradizionali da assaggiare in Campania e non solo, dato che ha ormai varcato i confini regionali e si è diffuso su tutto il territorio italiano.

Ti consigliamo come approfondimento – Cena afrodisiaca: quando la passione si “riaccende” a tavola

panuozzoSapevi che?

Il panuozzo di Gragnano è inserito tra i 457 prodotti agroalimentari tradizionali (P.A.T.) della Campania. Tra questi troviamo:

  • La pizza di scarole;
  • Il casatiello sugna e pepe;
  • La parmigiana di melanzane;
  • Il soffritto;
  • Il babà;
  • La sfogliatella;
  • La zeppola di San Giuseppe.

panuozzoPer ulteriori informazioni: ‘O Panuozzo da T.O.M. & Genny Via Roma n. 27/29 – Pomigliano d’Arco (NA)

Tel.: 081.19719347

Pagina Facebook: Panuozzo da T.O.M & Genny

Orari apertura: dal lunedì al venerdì dalle ore 11:30 alle ore 15:00 e dalle ore 18:00 alle ore 23:30. Nei week-end dalle ore 11:30 alle ore 01:00.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here