Gratta e vinci rubato, tabaccaio scarcerato: “Non era capace di intendere”

0
220
gratta e vinci tabaccaio, napoli gratta e vinci, gratta e vinci ritrovato

Gratta e vinci tabaccaio che rubò ad un’anziana è stato scarcerato. L’avvocato difensore ha ottenuto un’incapacità parziale di intendere e volere per il suo assistito. L’uomo, Gaetano Scutellaro, è stato questa mattina scarcerato ed è ora agli arresti domiciliari. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Gratta e vinci ritrovato, l’anziana ora potrà incassare 500mila euro

Gratta e vinci tabaccaio: il furto e l’arresto 

gratta e vinci tabaccaio,caserta carcere violenze,La vicenda era stata al centro dei media nazionali per diversi giorni. Il fatto si svolse in una tabaccheria nella zona Matardei di Napoli. Una signora di 77 anni aveva vinto 500 mila euro dopo aver comparto un gratta e vinci nella tabaccheria di Scutellaro. Quest’ultimo però aveva derubato la signora del suo biglietto fortunato ed era scappato. Latitante per diversi giorni, l’uomo era stato rintracciato mentre depositava una somma di denaro in una banca. Durante il primo interrogatorio, Scutellaro aveva dichiarato di essere il vero possessore del gratta e vinci. “Quel Gratta e Vinci è mio, la vecchietta è una bugiarda. Il biglietto l’ho fatto comprare io da un mio conoscente il giorno prima, alla signora avevo chiesto soltanto di andare a riscuotere la vincita”. Le testimonianze dei presenti e le immagini dei video di sorveglianza però smentivano la sua dichiarazione.

Ti suggeriamo come approfondimento – Tabaccaio del Gratta e Vinci rubato chiede scusa in lacrime: “Ho sbagliato”

Gratta e vinci tabaccaio scarcerato per infermità mentale 

gratta e vinci tabaccaio, Covid saturimetri gratisDopo il suo arresto l’uomo era stato detenuto nel carcere di Poggioreale. La testata del Mattino rende noto che il 57enne è stato scarcerato questa mattina. Il suo avvocato difensore è riuscito ad ottenere un’infermità mentale per il suo assistito. Secondo la perizia psichiatrica all’epoca dei fatto Scutellaro “non era capace di intendere e volere” completamente le azioni che stava compiendo. L’uomo sarà ora agli arresti domiciliari e potrà giovare delle cure psicologiche necessarie. Scutellaro verrà seguito dalla psichiatra Adele Masi, consulente dell’ufficio del giudice dove il 57enne è stato giudicato colpevole. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × 5 =