Green pass non serve: dalle Canarie una sentenza che può cambiare tutto

0
708
green pass obbligatorio

Green Pass? Non serve. Almeno in Spagna. Una sentenza dell’Alta Corte delle Isole Canarie aveva stoppato il provvedimento, accogliendo il ricorso di una associazione di imprenditori locali. A suo modo è stata una sentenza storica, tanto che ha portato all’eliminazione dell’obbligo in tutta la penisola iberica.

Ti consigliamo come approfondimento – Certificato verde obbligatorio da oggi, critiche dai social: “Come le leggi razziali”

Green Pass? In Spagna non serve

green pass decreto, green pass obbligatorio, green pass
Dalla pagina Facebook ufficiale di Palazzo Chigi – Presidenza del Consiglio dei Ministri

Niente Green Pass per accedere a ristoranti ed hotel. No alle limitazioni della capienza e via all’obbligo di chiusura a mezzanotte. Le Isole Canarie sono state le prime a tornare a respirare aria di libertà, almeno per ciò che concerne l’aspetto sociale. Il problema semmai è arrivarci visto che, per l’accesso in Spagna, se si proviene da una zona a rischio, è comunque necessario il Green Pass europeo.

Però, è stato un primo passo, che ha portato all’abolizione dell’obbligo del certificato verde per accedere a bar, ristoranti e locali in tutta la Spagna. Vedremo se questa sentenza potrà essere, in qualche modo, il punto di partenza per altre azioni simili, a livello europeo. In Italia si sta discutendo parecchio in questi ultimi giorni e il dibattito è piuttosto acceso. Il problema è la mancanza di dialogo tra le parti.
Tra chi è a favore e chi è contro il Green Pass, c’è un muro spesso invalicabile.

Ti consigliamo come approfondimento – Speranza sul costo dei tamponi: “Proviamo ad abbassarlo”

Green Pass: discriminazione o tutela?

green pass obbligatorio, green pass
Dall’account Twitter Palazzo Chigi

Il dibattito è bollente tra chi vede questa misura come tutela per la salute e gli affari e chi la vede come una discriminazione vera e propria.

A tal proposito, occorre comunque ricordare ciò che recita il Regolamento (UE) 2021/953 del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 giugno 2021, rettificato in data 5 luglio e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea. L’articolo 36, rettificato, così recita: È necessario evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone che non sono vaccinate, per esempio per motivi medici, perché non rientrano nel gruppo di destinatari per cui il vaccino anti COVID-19 è attualmente somministrato o consentito, come i bambini, o perché non hanno ancora avuto l’opportunità di essere vaccinate o hanno scelto di non essere vaccinate”. Tutela o discriminazione? Ognuno ha sicuramente la propria posizione in merito.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccini, Robert Malone padre mRna denuncia: “Poca attenzione ai potenziali rischi”. Censurato!

Green Pass: Italia spaccata in due

No green pass Campania, green passIn materia, la giurisprudenza domestica si è spaccata. Alcuni magistrati infatti, oltre a ritenere il provvedimento discriminatorio, lo ritengono anche una palese violazione della privacy. Il tema è estremamente delicato e il confronto si prospetta piuttosto incandescente. Il dialogo, come sempre, sarebbe auspicabile. A tutti i livelli. Anche perché, ad oggi, il covid e il discorso vaccinazioni hanno prodotto una netta spaccatura tra le persone (tra sì vax e no vax). Gli uni contro gli altri. E quando il popolo si divide in fazioni che si scannano tra loro, perde di vista ciò che fanno i regnanti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

18 − quattordici =