Greta Beccaglia: tifoso condannato a un anno e 6 mesi. La Beccaglia: “Una vittoria per tutte le donne!”

0
565
Greta Beccaglia sentenza

Greta Beccaglia sentenza: la giornalista molestata in diretta tv da un tifoso dopo la partita Empoli-Fiorentina commenta la sentenza. La cronista ha dichiarato che la sentenza rappresenta una vittoria di tutte le donne. Il Gip ha disposto anche un risarcimento morale per danni, denaro che sarà devoluto ad una onlus che combatte per i diritti violati delle donne.

 Ti consigliamo come approfondimento-Tifoso molesta giornalista Greta Beccaglia: indagato per violenza sessuale

Greta Beccaglia sentenza: “Una vittoria di tutte le donne”

Greta Beccaglia
Dal profilo Facebook della giornalista Greta Beccaglia

La giornalista Greta Beccaglia che venne molestata in diretta tv dopo la partita di calcio Empoli-Fiorentina ha commentato la sentenza. La cronista ha dichiarato: “Una battaglia vinta non soltanto da me, ma da tutte le donne. Nessuno ha il diritto di violare i nostri diritti, di considerare il nostro corpo come un trofeo; nessuno deve più umiliarci, denigrarci, considerarci un oggetto.” La condanna stabilita dal giudice preliminare nei confronti del molestatore Andrea Serrani è di un anno e 6 mesi di reclusione per violenza sessuale. Inoltre, l’uomo sarà costretto a risarcire la giornalista e l’rodine dei giornalisti toscani con una cifra complessivamente di circa 20 mila euro. Tale somma verrà devoluta ad una onlus che combatte per i diritti violati delle donne in tutto il mondo. La cronista ha anche dichiarato: “Non è importante che io perdoni il tifoso. È lui stesso che deve perdonarsi.”

Ti consigliamo come approfondimento-Greta Beccaglia: sospeso il conduttore Tv e Daspo per i due molestatori

Greta Beccaglia sentenza: “Mi sono sentita umiliata”

Greta Beccaglia giornalista molestata,
Dalla pagina Facebook ufficiale di Greta Beccaglia

Greta Beccaglia ha continuato: “Spero che abbia capito il male che mi ha fatto, e che questa condanna sia di esempio. Non provo odio, solo tristezza. Vorrei invece che ciò che è successo serva a far capire a lui e a tanti altri che toccare, oltretutto con violenza, il sedere a una donna, è un gesto abominevole e non un atto goliardico. Non c’è niente di allegro, nulla di carnevalesco. È solo un atto di terribile umiliazione. Una violenza. Continuo a ricevere messaggi, anche in questo momento, di persone, anonime, che mi accusano di aver rovinato una persona. Dicono che la colpa è mia perché mi sono messa troppo in mostra, scrivono che lui voleva scherzare. Mi sembra di essere tornata indietro nel tempo. Mi arrivano minacce, molte e odiose. In una missiva era stata allegata la foto di un uomo nudo. Ne ricevo continuamente. Ma resisto, non mi piego.”

Ti consigliamo come approfondimento-Greta Beccaglia, identificato l’autore della molestia: un caso su cui riflettere

Greta Beccaglia sentenza: ecco cosa accadde

Greta Beccaglia
Dal profilo Facebook della giornalista Greta Beccaglia

La cronista sportiva di Toscana Tv venne molestata la sera del 27 novembre 2021 nel post gara di Empoli-Fiorentina. Quella sera, la Beccaglia stava raccontando il clima tra le tifoserie dopo il match. Tra i tanti sostenitori viola, delusi della sconfitta per 2-1, c’era Andrea Serrani. Una telecamera immortalò il ristoratore marchigiano mentre molestava la cronista impegnata nella diretta televisiva. Beccaglia rimase in silenzio solo per un istante, poi replicò: “Non puoi fare questo, mi dispiace”. Serrani si allontanò come se nulla fosse. Intanto dallo studio l’invito a Beccaglia “a non prendersela”. Le immagini fecero in pochi minuti il giro del web tra l’indignazione e la condanna generale e poi finirono al vaglio degli investigatori della squadra mobile. Il molestatore fu identificato e Beccaglia lo denunciò. Martedì, la sentenza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × 3 =