Guerra Ucraina, alcune unità russe si ritirano. Zelensky: “Aiuto tardivo!”

0
840
guerra truppe russe
Fonte immagini Putin e Zelensky: wikipedia.org

Guerra truppe russe si ritirano nel proprio confine. Questo è quanto affermano diverse fonti ucraine. Ciò accade quasi in simultanea con il summit della NATO, che ha occupato l’intera giornata di ieri. All’evento ha partecipato, naturalmente, anche il Presidente Zelensky. Questi si è detto riconoscente per l’aiuto ricevuto, ma per i suoi gusti è arrivato troppo tardi!

Ti consigliamo come approfondimento – Shock, la Russia si candida per ospitare Euro 2028: è l’ennesima provocazione?

Guerra truppe russe si ritirano!

afghanistan talebani kabul,Stando a quanto riportano diverse fonti ucraine, ci sono delle grosse novità riguardanti il conflitto in Ucraina. Su alcuni fronti questa notte le truppe russe si sono ritirate all’interno dei propri confini. Secondo lo Stato maggiore ucraino, l’esercito della Russia ha subito molte più perdite del previsto. Mosca vuole studiare un nuovo piano d’azione? A un mese dall’inizio della guerra, entrambe le parti si ritrovano quasi congelate.

Ti consigliamo come approfondimento – Summit della Nato sulla guerra in Ucraina: intervengono Biden e Zelensky

Guerra truppe russe: il responso del summit della NATO

joe Biden
Dal pagina ufficiale del Presidente degli Stati Uniti d’America Joe Biden

Nella giornata di ieri si è tenuto un summit della NATO, impegnatissima nel contenere i danni della guerra. A un mese dalla presa delle armi, il segretario straordinario Jens Stoltenberg ha rilasciato un’importante dichiarazione. “La Russia sta cercando pretesti per usare le armi chimiche e biologiche”, sono le sue parole. “Le accuse contro Kiev e la Nato sono assolutamente false. L’uso di armi chimiche o batteriologiche cambierebbe totalmente la natura del conflitto. Le conseguenze sarebbero notevoli in Ucraina ma anche per i Paesi vicini.”

In proposito il Presidente degli USA Joe Biden: “La Nato è forte e unita come non mai.  I nuovi quattro gruppi di battaglia in Slovacchia, Romania, Bulgaria e Ungheria sono un forte segnale che insieme difenderemo e proteggeremo ogni centimetro del territorio della NATO. Fra ora e il vertice NATO di giugno metteremo a punto piani per ulteriori forze per rafforzare le difese. Adotteremo un aggiornamento del Strategic Concept per assicurare che la Nato sia pronta a far fronte a ogni sfida in un contesto di sicurezza. Abbiamo avuto il privilegio di ascoltare direttamente il Presidente Zelensky. Continueremo a sostenere lui ed il suo governo con importanti e crescenti quantità di aiuti militari. Abbiamo ribadito il sostegno al popolo ucraino e la nostra determinazione a mettere la Russia davanti alle sue responsabilità.”

Ti consigliamo come approfondimento – Anonymous colpisce ancora, attaccata banca centrale russa: “Trovati contratti segreti”

Guerra truppe russe: la protesta di Zelensky

Putin nucleare
Il presidente ucraino Volodymyr Zelens’kyj

Ma il Presidente ucraino Zelensky storce il naso dinanzi al comportamento dei Paesi dell’UE. Nel suo intervento presso il summit nominato in precedenza, ha “ribadito che vogliamo la pace. Che anche il popolo russo vuole la pace”. Il malcontento è dovuto alla mancata tempestività dell’intervento europeo per fermare la Russia. “Avete applicato sanzioni e di questo vi siamo grati, perché sono passi importanti. Ma l’avete fatto tardi e c’erano altre possibilità”, è il suo rimprovero. E lo riferisce alla gente del proprio Paese tramite i consueti aggiornamenti notturni. Il suo intervento al summit della NATO:

“L’Alleanza non ha ancora fornito una risposta chiara alla richiesta di aiuto di Kiev. […] L’Ucraina non ha armi antimissili. La nostra aviazione è molto ridotta rispetto alla loro e per questo loro utilizzano armi di distruzione di massa. Abbiamo chiesto i carri armati per eliminare il blocco delle nostre città. In diverse città, la Russia tiene in ostaggio centinaia di migliaia di persone creando una fame artificiale. Ci troviamo in una zona grigia tra la Russia e l’Occidente, ma difendiamo i valori che ci accomunano con voi, e lo facciamo da un mese ormai. L’Ucraina riesce a resistere.”