Guida fai da te: Come rivestire un camino

0
370

Uno degli arredi più desiderati attualmente è sicuramente il camino, specie quando si ha intenzione di trasformare il soggiorno o nel momento in cui ci si è trasferiti in una nuova casa. Non è casuale che le richieste per avere un camino nuovo siano altissime e in costante aumento, proprio per l’importanza che ha ormai raggiunto questo arrendo tra la comoda funzionalità e un design suggestivo. Tuttavia, anche se potrebbe sembrare piuttosto antico da un punto di vista architettonico, in realtà si può caratterizzare come meglio si crede il proprio camino, sia in chiave tradizionale che moderna.

Se da un lato è opportuno scegliere il tipo di combustibile da adoperare tra il pallet, il gas e la legna, così da determinare il grado di efficienza di un impianto installato, dall’altro bisogna scegliere il rivestimento del camino. Infatti, quest’ultimo è fondamentale per l’estetica esterna, e la sua selezione va ponderata considerando alcuni fattori, soprattutto quando si ha intenzione di ricorrere al fai da te: ecco una guida utile per rivestire un camino.

Come scegliere un rivestimento per un camino

Prima di tutto si valutano le caratteristiche del camino da acquistare, e sul sito di Paolo Barzotti ce ne sono tantissimi di nuovi modelli, anche parecchio variegati tra loro. Erroneamente si pensa che per abbellire un camino basti una cornice ad hoc, ma in realtà ci vuole ben altro per riuscire a rendere esteticamente accattivante questo arredo. Nel momento in cui si è installato l’impianto, si passa alla selezione di un rivestimento per il camino, e per riuscire a sceglierne uno adatto alle caratteristiche del camino che si possiede, è fondamentale riflettere su alcuni fattori.

Prima di tutto, è importante sapere se il rivestimento dal quale si è attratti è capace di resistere agli sbalzi termici e alle temperature elevate. Inoltre, è opportuno anche tenere in considerazione se è possibile fare dei ricambi di rivestimento e ogni quanto, poiché il materiale con il quale è realizzato potrebbe rovinarsi nel tempo. Da questo punto di vista, è essenziale consultare un esperto professionista.

Ma passando al lato meramente estetico, è imprescindibile tener conto degli arredi attorno al camino e presenti nella stanza nella quale è stato installato l’impianto, sia per i colori che per i materiali. Per ciò che concerne questi ultimi, è bene segnalare che sono quelli a fare la differenza per un rivestimento da applicare al proprio camino, e dunque bisogna arrivare informati al momento della scelta: ecco quali sono i rivestimenti più diffusi per il fai da te.

Rivestimento in mattoncini per camino

Tra i rivestimenti per camini più diffusi ci sono quelli composti dai mattoncini, in quanto nella maggioranza dei casi il design della casa è piuttosto rustico. Infatti, in questo caso la terra e il fuoco vengono a contatto e risultano una combinazione esteticamente suggestiva, generando un sentore vicino all’artigianalità. In aggiunta, c’è da dire che il mattone in argilla è uno dei materiali più adatti a resistere nel tempo e a sopportare temperature davvero alte; ma nel frattempo si ottiene uno stile sì tradizionale, ma pur sempre curato ed elegante.

Rivestimento in gres porcellanato per camino

Il rivestimento in gres porcellanato per il proprio camino è una scelta anche in questo caso tradizionale, ma che in realtà presenta diversi vantaggi in quanto a funzionalità. Ad esempio, le piastrelle sono ignifughe e facili da posare, ma soprattutto sono antimacchia e dunque semplici da pulire poiché non assorbono liquidi. Inoltre, sono resistenti e anti abrasione, rendendosi praticamente perfette all’uso e suggestive esteticamente. Infatti, il design di un rivestimento in gres porcellanato può essere realizzato con delle texture diversificate, con effetti in legno, in pietra o marmo.

Rivestimento in maiolica per camino

Tra i materiali più suggestivi e antichi di sempre c’è sicuramente la maiolica, particolarmente adatta anche per rivestire arredi contemporanei. Dunque, optare per questa tipologia di rivestimento per un camino equivale a ricevere un qualcosa ad effetto, che possa essere il giusto mix tra il passato e la modernità, tra eleganza e lusso.

Inoltre, si tratta di un materiale parecchio versatile e che consente di selezionare un rivestimento in base al colore, ai disegni e alle decorazioni. Per ciò che concerne la funzionalità, basti sapere che la maiolica è in grado di accumulare il calore irradiato e di trasmetterlo all’ambiente circostante.

Rivestimento in pietra per camino

Il rivestimento in pietra è assolutamente affascinante su di un camino, poiché riesce a rendere quest’ultimo sia rustico che compatto dal punto di vista estetico. Inoltre, si tratta di un materiale che dura nel tempo e che riesce a diffondere egregiamente il calore all’ambiente domestico. Tuttavia, bisogna scegliere tra le diverse forme e dimensioni, per cui basta conoscere le proprie esigenze e agire di conseguenza.

Rivestimento in cartongesso per camino

Si potrebbe optare per un rivestimento minimalista nel design, ma allo stesso tempo funzionale per la qualità ignifuga del materiale in questione: il cartongesso. Quest’ultimo è il più economico tra i rivestimenti citati, e con esso il protagonista della stanza diventa il fuoco; lo strato si può verniciare del colore che si preferisce.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 + cinque =