Villa Betania: primo impianto alla spalla con tessuti ricostruiti in laboratorio

0
89
impianto bioinduttivo

Un impianto bioinduttivo per ricostruire i tendini di una spalla gravemente lesionata. È la prima volta che una tale tecnologia viene utilizzata in Campania. Il dott. Negri, che ha guidato l’esecuzione dell’intervento, spiega le caratteristiche di questa tecnica all’avanguardia.

Ti consigliamo come approfondimento – Campania ospedali pieni: pochi posti letto in terapia intensiva

Villa Betania: eccellenza campana nella sanità

Covid hospital Boscotrecase, impianto bioinduttivo

Ottime notizie arrivano dall’Ospedale Evangelico “Villa Betania” di Napoli, dove è stato eseguito un innovativo intervento di ricostruzione dei tendini della cuffia dei rotatori (Regeneten) sulla spalla di un paziente con lesioni severe. Per la riuscita dell’intervento è stato utilizzato un bio-impianto a base di collagene di tipo I. È la prima volta che un intervento simile viene eseguito in Campania. Questo caso è tra i primissimi in Italia effettuato utilizzando device derivanti dall’ingegneria biomedica.

Il 2020, come sappiamo, è stato un anno particolarmente difficile per il comparto sanitario a causa della pandemia. Malgrado tutte le difficoltà, però, l’ospedale evangelico Betania ha mantenuto standard di eccellenza, portando a termine quasi 1000 interventi chirurgici di ortopedia. In più del 50% dei casi si è trattato di chirurgia protesica di anca, ginocchio, spalla e gomito e di chirurgia artroscopica di spalla e ginocchio. 

Ti consigliamo come approfondimento – De Luca: “Rigore o sarà calvario”. Ancora oltre 2.000 positivi in Campania

L’innovativo impianto bioinduttivo mai utilizzato in Campania

impianto bioinduttivo
Dal profilo Facebook del dott. Giacomo Negri

L’innovativo intervento è stata eseguita dal team medico guidato da Giacomo Negri. Il direttore dell’Unità operativa di Ortopedia e traumatologia e dottore di ricerca in bio-materiali spiega così le caratteristiche dell’innovativo impianto.

Ti consigliamo come approfondimento – Raid all’Ospedale del Mare. L’autore: “Chiedo scusa”

Il bio-impianto non solo permette di eseguire una sutura tendinea, ma agisce anche da impalcatura bio-stimolatrice per la proliferazione e rigenerazione del tessuto tendineo. Questo intervento riflette il lavoro e l’impegno dell’equipe ortopedica dell’Ospedale Evangelico Betania nell’utilizzo di materiali derivanti dall’ingegneria biomedica per la riparazione dei tessuti articolari ed extra-articolari delle principali articolazioni del corpo. È, infatti, pratica consolidata anche l’utilizzo di derivati quali il Platelet rich plasma (Prp) nella cura delle malattie degenerative articolari e tendinee e delle Cellule mesenchimali staminali per la cura dei ritardi di consolidazioni. A piccoli passi ci si affaccia con speranza al futuro. Siamo una piccola unità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

otto + 12 =