Capri, pesca di datteri di mare devasta i Faraglioni. Aperta indagine

0
276
Indagini Datteri Mare

Indagini datteri mare: la Guardia di Finanza ha smascherato un mercato di pesca illecita. Questi molluschi sono una specie protetta. Il prelievo di tali molluschi ha devastato l’ecosistema dei Faraglioni di Capri.

Ti consigliamo come approfondimento – De Luca: “Borse di studio di 250 € per 30mila studenti”. I requisiti

Indagini datteri mare: emesse 19 misure cautelari

Indagine Datteri MareLa Procura di Napoli, in collaborazione della GdF, ha emesso diciannove misure cautelari per devastazione ambientale. L’accusa è di aver pescato illegalmente dalle rocce dei Faraglioni di Capri e del porto di Napoli i “datteri di mare”. La pesca dei molluschi è avvenuta tramite picconi che hanno inflitto un grave danno all’ambiente marino. Si evince quindi una desertificazione dell’ecosistema presente sul 48% delle pareti dei Faraglioni sott’acqua.

Ti consigliamo come approfondimento – Parroco, omelia choc: Fanno abortire donne e usano i feti vaccini Covid!

Indagini datteri mare: scoperto mercato illecito

Indagine Datteri MareL’indagine ha reso evidente un mercato illecito in cui sono coinvolte due organizzazioni dedite alla raccolta abusiva dei datteri di mare da molti anni. Per estrarre i datteri i sub utilizzavano martelli pneumatici e cariche esplosive. I sommozzatori lavoravano per due associazioni dedite alla vendita di questo frutto a clientele d’élite in grado di pagarli tra i 100 e i 200 euro al chilo. I reati contestati sono: associazione per delinquere finalizzata al compimento di numerosi delitti ambientali, inquinamento e ricettazione.

Ti consigliamo come approfondimento – Fedez e Chiara Ferragni: “È nata Vittoria”. La notizia è già su tutti i social

Indagini datteri mare: 30 anni per ristabilire l’ecosistema

Indagine Datteri MareAlcuni esperti sostengono che per ristabilire l’ecosistema saranno necessari trent’anni. La Guardia di Finanza è stata coadiuvata nelle indagini da alcuni esperti. Hanno collaborato infatti, il presidente della Società Italiana di Biologia Giovanni Fulvio Russo e Marco Sacchi dell’Istituto Scienze Marine del Cnr. I due esperti hanno contribuito a raccogliere i dati per l’impianto accusatorio in materia di delitti ambientali. Tale impianto accusatorio poggia le proprie basi sulle convenzioni internazionali dell’UE e delle Nazioni Unite a tutela dell’ecosistema. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × uno =