Empoli, 100 infermiere spiate e filmate sotto la doccia in ospedale

0
1137

Infermiere spiate da un guardone nello spogliatoio femminile. La classica scena da cartone demenziale. Il buco nel muro, l’occhio o la telecamerina che fissano le ragazze e dall’altro lato il solito uomo che “cerca piacere”. Ma questa volta non è un film americano, è un bruttissimo fatto di cronaca accaduto in Italia. 

Ti consigliamo come approfondimento – Tartaruga domestica ritrovata in soffitta dopo trent’anni: era ancora viva

Infermiere spiate la scoperta 

bari chirurgo infarto, neonato 370 grammi,manichetti lockdown no vax,, infermiere spiateSiamo ad Empoli, per l’esattezza all’ospedale San Giuseppe. Le infermiere, come prassi, si lavavano nel loro spogliatoio femminile. Una cosa normalissima.  

A renderla più particolare, una strana lucentezza sul miscelatore dell’acqua delle docce. Alcune infermiere ci avevano già fatto caso, pensavano fosse una cattiva conformazione della struttura. Una di loro, però, aveva capito che qualcosa non andava. 

Qualche giorno fa, con l’aiuto delle colleghe e di un paio di pinzette, la giovane collega ha capito di cosa si trattasse. Ma com’è possibile? Una telecamerina nascosta in doccia? Proprio dentro la doccia? Tirandola, le infermiere hanno scoperto anche un filo. Un cavo che le ha condotte direttamente nella sala del personale tecnico.  

Ti consigliamo come approfondimento – Ragazzino ha un infarto su un tram: salvato da un infermiere

Infermiere spiate: lo shock delle infermiere 

Covid, premio nobel per la pace, infermiere spiateLa scoperta è stata sconvolgente per le infermiere della struttura. Le parole delle donne sono state raccolte e riportate dal Corriere della Sera.

Cosa c’è di eccitante nello spiare una donna che si sta facendo una doccia dopo aver smontato dal proprio turno? Questo è quanto si chiedono le infermiere, che si augurano che i responsabili siano individuati. “Quello che è successo è davvero vergognoso”, affermano le donne al quotidiano di via Solferino.  

Il timore non è solo che il maniaco possa rimanere. Il timore più grande è che le immagini possano essere state condivise anche sul web.  

Intervenute le forze dell’ordine, l’ipotesi di condivisione sul web è stata comunque esclusa. “Il cavo finiva direttamente in un monitor. Abbiamo sequestrato tutto”, afferma il comandante Daniele Riva. 

Ti consigliamo come approfondimento – La nonna la costringe a bere il whisky per punizione: muore bambina di 4 anni 

Infermiere spiate: i sindacati 

Intelligenza artificiale, infermiere spiateAnche il sindacato di comparto della CGIL si è fatto sentire. Simone Baldacci ha infatti stigmatizzato immediatamente il gesto. “Impensabile che nel 2022 capitino cose del genere, siamo caduti a un livello bassissimo” ha affermato il sindacalista.  

La responsabilità, secondo il sindacato, è dell’amministrazione ospedaliera. “Come sindacato chiediamo che i livelli di sorveglianza siano aumentati. I tagli sulle spese hanno ridotto anche il numero di guardie giurate”.  

Rimane l’assurdità di un gesto demenziale, talmente assurdo che sembrava non potersi realmente realizzare nella realtà.

Per l’autore, frattanto, si ipotizzano una serie di reati. Anche se escluso dalle forze dell’ordine, l’indagine dovrà anche accertare, e si spera escludere definitivamente, il cosiddetto revenge porn.  

Ma l’atto, molto grave, può solo essere figlio di una subcultura maschilista e patriarcale, che vede nella donna più un oggetto di bramosia e di piacere e non soggetto. Troppo spesso, ci si dimentica la frase del Talmud, che invece dovrebbe essere incisa nella cultura occidentale. “La prima donna è stata creata dalla costola sinistra di Adamo. Non dai piedi per essere oggetto schiacciato. Non dalla testa perché sia un essere superiore. Ma dalla costola, per stare a fianco, e dal lato del cuore per essere amata”.