Cremona: la città più inquinata d’Italia. Morti in aumento. La gente ha paura

0
148
Inquinamento Cremona

Inquinamento Cremona. La città Lombarda è la più inquinata d’Italia e la seconda in Europa. Uno studio dell’Agenzia Europea dell’Ambiente ha riportato la lista delle città più inquinate in Europa. Nella città lombarda ci sono troppe attività industriali, numeri elevati di malattie respiratorie e mancano studi epidemiologici.

Ti consigliamo come approfondimento- Sì, l’inquinamento favorisce il virus. Ma potrebbe aiutarci a combatterlo

Inquinamento Cremona: moltissime industrie

L’Agenzia Europea dell’Ambiente ha riportato la lista delle 323 città più inquinate d’Europa. In questa classifica la città di Cremona risulta essere la più inquinata d’Italia e la seconda in Europa. Questo risultato molto negativo è causato da notevoli problemi di inquinamento della città. Infatti, vi è un’altissima concentrazione di industrie e fabbriche nella zona industriale circostante la città. Infatti, ci si può imbattere nell’inceneritore dei rifiuti, nell’impianto di trattamento liquami e alcune attività industriali molto inquinanti. Tra le aziende ci sono il Consorzio Agrario e il Gruppo Ferraroni per la produzione di mangimi, l’Oleificio Zucchi e l’azienda petrolifera Keropetrol. Inoltre, a queste bisogna aggiungere la raffineria Tamoil e il Gruppo Arvedi. Quest’ultima è la seconda acciaieria d’Italia dopo l’Ilva di Taranto.

Ti consigliamo come approfondimento-Inquinamento: la vera piaga del ventunesimo secolo

Inquinamento Cremona: troppe malattie respiratorie

mascherine ffp2 Dura lex sed virus Covid-19, Irene Pivetti mascherineDato l’alto tasso di inquinamento negli ultimi anni si è verificato un incremento di malattie respiratorie. Già uno studio epidemiologico preliminare, nel 2016, aveva evidenziato l’elevato numero di malattie respiratorie, tumori, leucemia e nascite premature, con un incremento del 13% di malattie respiratorie, di circa il 20% di tumori e del 23% di leucemie. Dal 2016 ad oggi, però questo dato non è stato completato. Il responsabile dello studio in questione era il dottore Paolo Ricci, allora a capo dell’Osservatorio epidemiologico della Ats di Mantova e Cremona. Al dottor Ricci è stato impedito di portare a termine lo studio e il medico, sentendosi responsabile di tale inefficienza, andò in pensione anticipata.

Ti consigliamo come approfondimento – Green Deal: gli obiettivi per il 2030. Von der Leyen: “Siamo primi al mondo”

Inquinamento Cremona: la paura dei cittadini

InquinamentoOvviamente ad affrontare l’inquinamento tutti i giorni sono i cittadini con diverse paure e preoccupazioni. La paura parte dall’aria e dalle polveri sottili. L’aria spesso risulta essere irrespirabile e aleggia un cattivo odore. Inoltre, spesso alcuni cittadini sono costretti a pulire i portici e i davanzali da polveri scure. Tali polveri risultano essere ferrose e pertanto dannose alla salute dell’uomo. Un altro tipo di inquinamento è dettato anche dai rumori assai elevati delle aziende. I dati riportati sono davvero molto preoccupanti e alcuni cittadini sono spaventati. Nella città lombarda il tenore di vita risulta anche elevato, ma in queste condizioni nei prossimi anni potrebbe cambiare. L’inquinamento sta uccidendo molte persone e in parecchi hanno abbandonato le proprie case dopo 30 o 40 anni. Si spera vivamente che la situazione possa cambiare, ma come i cittadini di Cremona credono, sarà davvero molto difficile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × 3 =