Instagram vietato ai minori di 13 anni: ecco il perché

0
465
instagram patente whatsapp, whatsApp consigli polizia postale

Quanti di noi hanno mentito alla classica domanda d’accesso “Hai compiuto 18 anni?”. Sapendo che nessuno avrebbe verificato la nostra reale età, in molti hanno cliccato “sì” per accedere e navigare su social come Instagram o Facebook. I termini d’uso proibiscono l’accesso a chi ha meno di 13 anni, ma controlli limitatissimi non consentivano la reale verifica della data di nascita. Ora, però, potrebbe non essere cosi semplice eluderli.

Ti consigliamo come approfondimento – Insta per la privacy: eliminata anche la sezione “seguiti”

Instagram: vietato ai minori di 13 anni d’età

instagramInstagram ha deciso di dire basta ai furbetti. Si chiederà ai nuovi utenti di inserire la loro data di nascita. Niente Instagram per chi non ha ancora compiuto i 13 anni d’età. La verifica è semplicissima. Se si collega il profilo Facebook, verrà automaticamente aggiunta la data di nascita. I due social “gemelli” provano a camminare di pari passo anche per aggiornamenti o tutela della privacy.

Se invece i profili non sono collegati, è possibile aggiungere o modificare la data di nascita sulla piattaforma. La novità è che quando Instagram sospetta di un profilo fake, con un’età dichiarata fasulla, lo sospende immediatamente. Questo dopo la classica attesa di ulteriori verifiche da parte del social.

Ti consigliamo come approfondimento – FaceApp: cosa c’è dietro l’ultimo tormentone di Facebook?

Instagram: esperienza personalizzata e stop ai prodotti miracolosi

instagramQueste modifiche permetteranno l’adeguamento delle esperienze offerte dal social in base all’età dell’utente che ne usufruisce. Il focus in particolare è rivolto ai più giovani, che usano in maniera assidua la piattaforma e che sono i più coinvolti. L’obiettivo è permettere a chiunque una esperienza personalizzata, che tuteli grandi e piccini.

Inoltre, è stato adottato un ulteriore provvedimento: lo stop alle sponsorizzazioni di prodotti “miracolosi”. Attualmente, infatti, gli utenti sono letteralmente invasi da inserzioni massive e post promozionali di sedicenti influencer. Instagram dice basta a prodotti dimagranti, bibite miracolose e prodotti per il benessere di dubbia provenienza.

Ti consigliamo come approfondimento – Apple: tra Tv e dark mode, tutte le novità dall’azienda di Cupertino

La zona grigia: rendere invisibile su Instagram persone indesiderate

instagramC’è però un altro aggiornamento di Instagram che promette polemiche. L’utente può attivare la zona grigia, modulata in base all’età. Quindi è possibile, come estensione globale, silenziare un profilo indesiderato. In tal modo, si ha la facoltà su Instagram di togliere “voce” a una persona senza obbligatoriamente bloccarla.

In pratica, i commenti del profilo selezionato non saranno più visibili sotto ai propri post, anche per terze persone. Questa opzione, disponibile per tutti, è in realtà studiata per contrastare il fenomeno del bullismo via social. L’account silenziato non saprà di esser stato inserito nella zona grigia, in modo da evitare eventuali ricatti o ritorsioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattordici − 5 =