Interrail in Belgio e Olanda: dall’arte gotica a Van Gogh

Viaggiare in treno è la nuova frontiera per chi ama esplorare ogni singola città della Nazione: un tour che unisce fascino del passato ad un’esperienza completa

0
75
interrail olanda

Viaggiare in treno oggi conviene, da tanti punti di vista. Se si vuole davvero assaporare un paese, non vi è mezzo migliore che quello sulle rotaie. In questo senso in Belgio e in Olanda è possibile vivere un’esperienza davvero unica. Si tratta di un viaggio interrail di circa 400 km tra fiumi, fattorie, faggi e tulipani. La scoperta dopo ore di viaggio di alcune tra le più importanti città d’Europa, come Amsterdam o Anversa, ripaga sempre il viaggiatore dell’attesa. E, se volete andare oltre l’arte gotica delle Fiandre, ci si può sempre spostare in Vallonia, a Bruxelles, o visitare il Van Gogh Museum. Di stazione in stazione, le aree metropolitane si fanno sempre più dense e ricche di storia. Ognuna stimola la curiosità a visitare la successiva.

Ti consigliamo come approfondimento – Chagall a Napoli con la mostra “Sogno d’amore”

La storia del Belgio e dell’Olanda è facilmente deducibile dai racconti delle persone che si incontrano per strada durante il nostro viaggio interrail. Le caratteristiche migratorie e la deurbanizzazione che hanno subito questi paesi li porta a essere oggi molto più vivibili di qualsiasi altro posto in Europa. Tradizione e architettura pongono infatti Olanda e Belgio tra i luoghi più belli dell’Europa occidentale.

Inoltre le due nazioni hanno conservato quasi tutte le loro tradizioni. Da quelle culinarie (famoso il cioccolato belga o la birra olandese) alla viabilità (la bicicletta è senza dubbio il mezzo più utilizzato da tutti), per finire a quelle politiche e culturali.
L’architettura tipicamente gotica è confinata in entrambi i paesi in un arco di tempo abbastanza ristretto. Ad ogni angolo delle città, però, ci si rende conto di trovarsi di fronte a immensi capolavori: dalla Cattedrale di San Michele a piazza Dam, dalla Cattedrale di San Bavone al Gruuthuse Museum.

 Ti consigliamo come approfondimento – Escher a Napoli, mostra imperdibile al Pan

Un interrail da condividere con chi ama esplorare

OlandaPiù che una vacanza, un viaggio interrail del genere è una continua esplorazione. Una scoperta di ogni singola strada, o piazza. Con lo zaino sempre rigorosamente in spalla, ci accorgiamo di quanto questi posti abbiano qualcosa di magico. I canali che bagnano la Chiesa di San Nicola e la “Torre delle Lacrime”, visti al tramonto, sono davvero uno spettacolo unico. Ma c’è molto altro:

  • Le case cubiche di Rotterdam;
  • La collina di Waterloo;
  • Le spiagge infinte dell’Aia;
  • L’università di Utrecht;
  • La piazza del mercato di Bruges.

E ancora i quadri di Rubens, Vermeer e Rembrandt, il Manneken-Pis di Bruxelles, il Vondelpark di Amsterdam. Tutto appare così incredibilmente diverso rispetto alla realtà a cui siamo abituati.

E per questo motivo che è un interrail che si deve assolutamente provare. Compagnia di viaggio ideale? Chi ama scoprire sempre nuove realtà.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here