Terminato l’interrogratorio di Filippo Turetta, si sarebbe avvalso della facoltà di non rispondere

0
202
Filippo Turetta indagato
Dal profilo Instagram del presidente del Veneto Zaia

Interrogatorio Filippo Turetta è terminato dopo trenta minuti. Si sarebbe avvalso della facoltà di non rispondere. Filippo deve rispondere di omicidio volontario aggravato ai danni di Giulia Cecchettin e di sequestro di persona.

Ti consigliamo come approfondimento- Omicidio Giulia Cecchettin, Filippo Turetta arrestato in Germania

Interrogatorio Filippo Turetta durato mezz’ora

napoli madre uccisa, Interrogatorio Filippo Turetta,Interrogatorio Filippo Turetta nel carcere di Verona sarebbe durato circa una mezz’oretta. Il giovane accusato dell’omicidio e del sequestro di Giulia Cecchettin è stato sentito dal Gip Benedetta Vitolo alla presenza del Pm Andrea Petroni e del legale del ragazzo. L’interrogatorio è iniziato alle dieci di questa mattina. Già intorno alle dieci e trenta il giudice e il pm sarebbero usciti. Questo lasso di tempo così breve lascerebbe intendere che Filippo non abbia risposto alle domande avvalendosi della facoltà di non rispondere. Non è ancora chiaro se abbia o meno rilasciato qualche dichiarazione spontanea. Le scelte per lui e il suo legale erano sostanzialmente tre:

  • Collaborare a pieno rispondendo alle domande che gli venivano poste
  • Rilasciare solo dichiarazioni spontanee senza alcun contraddittorio
  • Avvalersi della facoltà di non rispondere

Al momento la prima opzione sembrerebbe da escludere. Difficile che in mezz’ora il giovane abbia potuto rispondere in maniera soddisfacente domande postegli dal giudice e dal PM.

Ti consigliamo come approfondimento- Omicidio Giulia Cecchettin, l’audio inviato alle amiche: “Vorrei che Filippo sparisse dalla mia vita, ma ho paura che possa farsi del male”

La posizione del legale della famiglia Cecchettin

stalking aggravante femminicidio, Interrogatorio Filippo TurettaChiara anche la posizione del legale che assiste la famiglia Cecchettin, l’avvocato Nicodemo Gentile. Secondo il legale Filippo sarebbe un molestatore seriale e il suo omicidio è aggravato dallo stalking. Le pressioni di Turetta avrebbero provocato in Giulia “uno stato di disorientamento e di importante ansia”. Si sarebbe dunque passati da reiterate azioni di molestie e controllo all’omicidio della ragazza. Per maggiori informazioni sull’interrogatorio di Filippo Turetta si attende che il suo legale esca dal carcere di Verona dove si trova in questo momento assieme al suo assistito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

6 + dodici =