Ippopotamo negli scavi di Pompei: “Chi ce lo ha portato e perché”?

0
1625
Ippopotamo Pompei

Ippopotamo Pompei – Ciò che è accaduto nel noto sito archeologico in provincia di Napoli ha dell’incredibile. È stato infatti avvistato un grande ippopotamo mentre era intento a girare per gli scavi di Pompei. “Dopo gli elefanti ai Fori Imperiali per il film di Nanni moretti ci mancava l’ippopotamo a Pompei”. È stata questa la dichiarazione arrivata direttamente dall’Ente Nazionale Protezione Animali.

Ti consigliamo come approfondimento – Animali al circo, Italia pronta a dire stop. Ecco la nuova legge delega

Ippopotamo Pompei, cosa ci faceva tra gli scavi archeologici?

Ippopotamo pompeiIppopotamo Pompei – Spesso ci si trova ad assistere a scene particolari che potrebbero lasciare interdetto davvero chiunque. Eppure questa volta c’è dell’assurdo in ciò a cui hanno dovuto assistere dei turisti in provincia di Napoli. Il luogo dello strano avvistamento è il noto sito archeologico degli scavi di Pompei, alle pendici del Vesuvio.
Il video registrato tra i resti dell’antica città romana ha subito fatto il giro del web. Le immagini ritraggono chiaramente un ippopotamo che gira indisturbato tra le vie del sito, nel cuore dell’antica città.
Le immagini, in men che non si dica, sono diventate virali e hanno generato grande scalpore. È emerso, in seguito, che quell’ippopotamo fosse lì in occasione di alcune riprese cinematografiche. Il film in questione è un’opera del regista egiziano Wael Shawky, e si intitola “I am Hymns of the New Temple”.

Ti consigliamo come approfondimento – Paura per alcuni bambini: l’autobus in cui viaggiavano di scontra con un tir

Ippopotamo Pompei: la risposta dell’Ente Nazionale Protezione Animali

Ippopotamo PompeiIppopotamo Pompei – Il film commissionato al regista egiziano Wael Shawky è, in realtà, un progetto particolare. La sua commissione e produzione sono state vincitrici del Piano per l’Arte Contemporanea 2020 (PAC 2020). Lo stesso è stato promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.

Quest’opera, non a caso, entrerà a far parte della collezione di arte contemporanea del sito archeologico degli scavi di Pompei.
Ad ogni modo, la virulenza del video ha raggiunto anche l’ENPA, l’Ente Nazionale Protezione Animali.

Proprio dai suoi attivisti è arrivata una reazione molto forte. “Dopo gli elefanti ai Fori Imperiali per il film di Nanni Moretti ci mancava l’ippopotamo a Pompei. Abbiamo subito attivato le nostre sedi locali per capire meglio anche il ruolo delle istituzioni”. Così ha subito risposto l’ente dopo aver ricevuto il video in questione. Il riferimento allo scorso evento simile riguarda la vicenda del film di Nanni Moretti che ha visto come protagonisti degli elefanti in circolo per la capitale romana.
Dunque, ci chiediamo, il Ministero sta commissionando un film dove sono presenti animali esotici sul set? In attesa di avere tutte le risposte, ci appelliamo ai registi di ogni nazionalità: basta usare animali esotici o selvatici nei set. L’arte non può essere la giustificazione per sottoporre gli animali a stress e maltrattamenti. Noi di ENPA non rimarremo a guardare”. Così ha affermato l’ente.