Israele batte Covid: immunità gregge, campione di vaccini e Green Pass

0
245
Effetti collaterali vaccino

Israele batte Covid. Con oltre il 50% della popolazione vaccinata, il Paese del primo ministro Benjamin Netanyahu, ha voltato pagina. Una campagna vaccinale a ritmi serrati ha permesso di riprendere il cammino verso una normalità che, altrove, è un lontano miraggio. Basti pensaare all’Europa dove, sui vaccini, regna ancora il caos.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino Israele: coperto già il 10% della popolazione

Israele batte Covid: immunità di gregge per l’esercito.

Concorso Allievi Marescialli 2021, Israele batte CovidNei giorni scorsi, il generale Itzik Turgeman ha annunciato la raggiunta immunità di gregge da parte dell’esercito israeliano. Sì, proprio quell’immunità di gregge che sembrava impossibile durante la prima ondata. Si tratta del primo caso al mondo, con una percentuale di immunizzati o guariti dal virus superiore all’80%. Nelle prossime settimane, tale percentuale, supererà l’85%. Occorrerà mantenere il rispetto delle regole, dal distanziamento sociale all’uso delle mascherine. I soldati israeliani, però, torneranno presto alla normalità.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino Astrazeneca migliaia le rinunce, Ema: “È efficace, bisogna usarlo”

Israele batte Covid: campioni di vaccini

vaccino sputnik, Isarele batte CovidOltre la metà della popolazione ha già ricevuto entrambe le dosi di vaccino. Questo ha permesso sia di ridurre il numero dei contagi, sia di intraprendere il ritorno verso una vita normale. Palestre, teatri, ristoranti e addirittura gli stadi stanno riaprendo. Insomma, anche l’economia del Paese sta tornando a respirare. A rendere possibile tutto ciò, è il Green Pass, un lasciapassare che attesta l’avvenuta somministrazione delle due dosi di vaccino o la guarigione dal virus.

Ti consigliamo come approfondimento – Cura Covid, Israele ha il farmaco miracoloso: si guarisce in soli 5 giorni

Isreale batte Covid: il Green Pass

diritti tv, Israele batte CovidIl Green Pass, che può essere cartaceo o digitale, permette di poter gustare nuovamente attimi di normalità. Netanyahu ha manifestato l’intento di riaprire la quasi totalità delle attività commerciali entro fine aprile. Del resto, sono rimaste poco più di un milione di persone sopra i 16 anni da vaccinare. Si può ipotizzare come, tra 45 giorni, Israele sarà nelle condizioni di ricominciare a vivere quasi al 100%. Nello scorso week-end, intanto, i primi fortunati sono potuti tornare allo stadio. Al momento la capienza degli impianti sportivi è comunque ridotta, con un massimo di 1500 ingressi negli stadi con capienza superiore alle 10.000 persone.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciassette − dieci =