Oggi, simulazione di IT-Alert su come comportarsi dopo un maremoto causato da un sisma

0
138
IT Alert simulazione oggi
Immagine dal profilo Facebook ufficiale di IT-alert

IT Alert simulazione oggi in Sardegna, avvisando su possibili pericoli come maremoti e altri eventi catastrofici. Utilizza la tecnologia cell-broadcasting per raggiungere gli smartphone e richiede la partecipazione attiva dei cittadini.

Ti consigliamo come approfondimento-Procida, gesto vile e antisemita: scritte antisemite comparse sui muri della città

IT Alert simulazione oggi in Sardegna

Immagine dal profilo Facebook ufficiale di IT-alert

Oggi, mercoledì 15 maggio, alle 11, un suono familiare ha risuonato sui telefoni di Orosei, Siniscola e Posada, in provincia di Nuoro, Sardegna. È stato il segnale del ritorno del sistema nazionale di allarme pubblico della Protezione Civile, noto come IT-Alert, che si è attivato per una simulazione di emergenza. Questo test è stato mirato a verificare la prontezza e l’efficacia del sistema. Inoltre, ha assunto un significato particolare poiché per la prima volta verrà testato l’avviso per i maremoti generati da sisma, un’eventualità critica in una regione costiera come la Sardegna. Il sistema IT-Alert non è nuovo, ma ha subito un processo di miglioramento e sperimentazione nel corso degli anni. Nel 2023, è stato sperimentato in tutte le regioni d’Italia per testare la tecnologia e preparare la popolazione ad affrontare emergenze di varia natura.

Ti consigliamo come approfondimento-Eav comunica la chiusura della stazione di Centro Direzionale: nuovo tratto per arrivare a Napoli da Pomigliano

IT Alert simulazione oggi per maremoto

passerella MareLa Protezione Civile ha coordinato una campagna di sensibilizzazione in aree circoscritte, concentrandosi su quattro categorie specifiche di catastrofi: il collasso di una grande diga, un incidente industriale rilevante, un incidente nucleare oltre i confini nazionali e situazioni di emergenza radiologica, nonché attività vulcanica nelle aree dei Campi Flegrei, del Vesuvio e dell’isola di Vulcano. L’obiettivo di queste simulazioni è di avvisare la popolazione in modo tempestivo in caso di gravi emergenze o pericoli imminenti. Si minimizza così l’esposizione individuale e collettiva al pericolo attraverso l’attivazione di un allarme pubblico diffuso e capillare. Durante il test odierno, il messaggio di prova inviato sui cellulari dei comuni interessati recitava: “TEST Messaggio di prova IT-alert. È in corso la SIMULAZIONE di un maremoto generato da sisma nella zona in cui ti trovi. Per conoscere il messaggio che riceverai in caso di reale pericolo e per compilare il questionario vai su www.it-alert.gov.it”.

Ti consigliamo come approfondimento-Venezia, bambini spostano i cartelli stradali per gioco e bloccano tutto il traffico

IT Alert simulazione oggi

IT-alert Campania
Immagine dal profilo Facebook ufficiale di IT-alert

Il sistema IT-Alert si basa sulla tecnologia cell-broadcasting, che consente di inviare messaggi a tutti gli smartphone collegati a una serie di celle telefoniche selezionate, coprendo così l’intero territorio di aree specifiche. Per ricevere il messaggio di allerta, è sufficiente avere lo smartphone acceso. Una volta visualizzata la notifica, è importante interagire con essa per spegnere l’avviso e, successivamente, compilare il questionario. Anche se compilare il questionario non è obbligatorio, è fortemente consigliato. Infatti, fornisce informazioni utili alla Protezione Civile per valutare l’efficacia del sistema e migliorarlo ulteriormente. Sul sito ufficiale di IT-Alert sono elencati diversi scenari che potrebbero far scattare l’allarme, principalmente eventi di carattere idrogeologico. Questi includono maremoti generati da un sisma, il collasso di una grande diga, attività vulcanica nei vulcani Vesuvio, Campi Flegrei, Vulcano e Stromboli. Ma riguarda anche incidenti nucleari o situazioni di emergenza radiologica nonché precipitazioni intense.