Italia sotto scacco per le alluvioni: scopriamo il perché!

0
432
italia, nikki

Neve, mareggiate, pioggia e vento forte: in Italia il maltempo sembra non voler concedere una tregua. Questo autunno, che somiglia sempre più a un pieno inverno, sta causando danni per milioni di euro e vittime da nord a sud. L’Italia, soprattutto negli ultimi anni, è sempre più in difficoltà nella gestione di eventi meteorologici, a volte estremi ma in tanti altri casi rientranti nella normalità.

Ti consigliamo come approfondimento – Cambiamento climatico a scuola: il nostro Paese pioniere del nuovo insegnamento

Italia, emergenza maltempo: le zone più colpite

Di Venezia e dello scandalo Mose si sa già quasi tutto. Altre situazioni critiche si sono verificate, però, in diversi comuni d’Italia. Vento oltre i 100 chilometri orari, pioggia battente e onde alte anche più di cinque metri, hanno devastato la costa salentina e pugliese nei giorni scorsi. Gravi i danni a Porto Cesareo e soprattutto a Gallipoli. Il centro città della movida estiva pugliese è stato addirittura invaso dal mare in tempesta.

Matera le strade sono state invase da fiumi di fango e detriti. L’acqua e il fango sono entrati in negozi, uffici e abitazioni ai piani più bassi. Non è stata risparmiata neanche la parte più antica e caratteristica della città. In alcune strade la violenza dell’acqua ha divelto persino la pavimentazione in basolato.

Grande tensione anche in Toscana: nelle scorse ore la Giunta Regionale, su proposta del Presidente della Regione Enrico Rossi, ha dichiarato lo stato di emergenza. La piena del fiume Arno fa paura, anche se per il momento la situazione sembra essere sotto controllo. Chiuse invece le cascatelle del Gorello a Saturnia.

Diverse piene anche per alcuni fiumi dell’Emilia Romagna. In Sicilia forti alluvioni tra Siracusa, Ragusa e Ispica. Qui, a ridosso del centro abitato, si è aperta un’enorme voragine. Bombe d’acqua e inondazioni anche sulle coste della Calabria.

Ti consigliamo come approfondimento – ONU: inizia il countdown, 11 anni per salvare il nostro pianeta

Eventi estremi impossibili da contrastare ma…

italiaLa realtà è che l’uomo non prevarrà mai sulla forza della natura. La nostre attuali conoscenze e tecnologie non hanno le capacità di fermare e/o contenere un evento naturale estremo. Abbiamo però la capacità e la possibilità di poter contrastare fenomeni atmosferici di normale entità. Tuttavia, è palese che anche per quest’ultimi l’Italia sia in difficoltà. Ma perché basta un semplice temporale per mandare in tilt una città?

Ti consigliamo come approfondimento – Ferro da stiro, addio: la nuova pratica per salvare l’ambiente

Le possibili cause

In Italia le città prendono progressivamente i connotati di moderne metropoli, con nuove strade, sottopassaggi, tangenziali e linee delle metropolitane. Tuttavia troppo cemento e asfalto soffocano il terreno, l’unico elemento in grado di assorbire e drenare l’acqua piovana. Le strade e le pavimentazioni, essendo poco permeabili, si trasformano spesso in corsi d’acqua aggiuntivi. Solo ultimamente si è incominciato a impiegare per le autostrade un asfalto con un buon drenaggio. In città però si è ben lontani dal suo utilizzo.

Altra causa che determina facili allagamenti è sicuramente rappresentata da sistemi fognari vecchi. A questo si aggiunge il mal costume, da parte di tanti comuni, di non adoperare stabili e periodiche manutenzione e pulizia di tombini e caditoie.

Ulteriore fattore è la messa in sicurezza dei fiumi. Le autorità preposte a livello regionale dovrebbero prevedere una calendarizzazione degli interventi di pulizia necessari a liberare l’alveo di ostruzioni che ne limitano la portata. Ramaglie, detriti e rifiuti presenti nelle acque dei fiumi contribuiscono alla creazione di un tappo che inibisce il regolare flusso idrico, con conseguenze rilevanti.

Ti consigliamo come approfondimento – Il mondo brucia ma possiamo ancora salvarlo
Rischio idrogeologico

italiaUn importante fattore di rischio è la costruzione scellerata di intere città su terreni a rischio idrogeologico. In Italia le aree con tali caratteristiche sono numerose. L’esposizione al rischio geologico-idraulico costituisce un problema di grande rilevanza sociale, sia per il numero di vittime che per i danni prodotti alle abitazioni, alle industrie e alle infrastrutture.

Desta ancor più preoccupazione se si pensa ai potenziali futuri (o forse già presenti) scenari connessi al cambiamento climatico. Se per gli edifici già esistenti c’è poco da fare, anche a livello normativo, si spera che per la costruzione di nuove strutture si tenga conto soprattutto di tale rischio. Un rapporto armonico tra gli edifici del futuro e la natura contribuirà enormemente a evitare nuove catastrofi come quelle avvenute in questi anni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here