In Italia scatta l’allerta sulla Dengue: è una malattia tropicale sempre più diffusa

0
300

Italia Dengue zanzara: nuova malattia trasmessa dal morso di zanzara ha fatto registrare un numero record di casi in Italia. Sono stati certificati 165 casi di Dengue confermati in Italia fino allo scorso 11 settembre. Contro al Dengue esiste comunque la possibilità di vaccinarsi.

Ti consigliamo come approfondimento-Alessia Pifferi in tribunale: “Sono una mamma esemplare. Le ho lasciato un biberon pieno!”

Italia Dengue zanzara: nuova malattia

Febbre Dengue allarmeCol clima che cambia anche le malattie con cui dobbiamo fare i conti non sono più le stesse. Sulla spinta delle estati sempre più calde, infatti, diversi patogeni tropicali iniziano ormai a sentirsi di casa nel nostro Paese. Si tratta della Dengue, una malattia trasmessa dal morso di zanzara. Tale malattia, in questa lunga, e torrida, estate 2023 ha fatto registrare un numero record di casi in Italia. Il bollettino più recente dell’Istituto Superiore di Sanità certifica 165 casi di Dengue confermati in Italia fino allo scorso 11 settembre. Parliamo di una malattia che viene trasmessa all’uomo dalla puntura di zanzare della specie “Aedes aegypti”. La malattia è comune in tutte le zone tropicali e sub-tropicali del pianeta, dove l’incidenza delle infezioni è in aumento. Tale malattia sta diventando sempre più comune anche sul territorio europeo, dove di norma arrivano casi di importazione.

Ti consigliamo come approfondimento-Ssc Napoli, i tifosi chiedono l’esonero dell’allenatore Rudi Garcia

Italia Dengue zanzara: sintomi e vaccino

Covid hospital BoscotrecaseI sintomi esordiscono solitamente con febbre elevata, cinque o sei giorni dopo la puntura della zanzara infetta. È poi accompagnata da mal di testa acuti, dolori attorno e dietro agli occhi, dolori muscolare e articolari, nausea. In alcuni casi ci sono anche peculiari manifestazioni cutanee. Fortunatamente, nella stragrande maggioranza dei casi (fino all’80%) la malattia risulta in realtà asintomatica. Solo in un cinque percento degli infetti la malattia progredisce verso una forma severa. In una piccola percentuale di questi può arrivare a mettere a repentaglio la vita. Contro al Dengue esiste comunque la possibilità di vaccinarsi. Proprio nei prossimi mesi dovrebbe arrivare in effetti anche in Italia un nuovo vaccino, già autorizzato da Ema e Aifa. Potrà essere utilizzato da chiunque.

Per ora sarà raccomandato unicamente a persone che si rechino in viaggio nei paesi in cui la malattia è considerata endemica. Ma non è detto che in futuro, se i casi autoctoni continueranno ad aumentare, non venga consigliato anche alla popolazione generale

Ti consigliamo come approfondimento-Napolitano: si aggravano le condizioni dell’ex Presidente della Repubblica

Italia Dengue zanzara: parlano gli esperti

Roma infermiere aggredito, Medici non specializzati, Wallace Lee sordo plastica, Porta Potty cane, ponza pronto soccorso, vaiolo scimmie barletta, proiettile ano, campania medici contro regione, cosenza prof morto, vaiolo scimmie italia,pistoia ospedale incendio,Sulla vicenda è intervenuto Pierluigi Bartoletti ,segretario provinciale di Roma e vice segretario nazionale vicario della Federazione italiana dei medici di medicina generale. Bartoletti ha detto: “La Dengue è l’ultima new entry delle patologie che arrivano negli studi dei medici di famiglia. Da mesi però stiamo molto attenti nella valutazione dei casi sospetti perché nel Lazio c’è un aumento per la prima volta. Ecco che una febbre alta e prolungata, associata a un malessere diffuso dovrebbe far scattare le ‘sirene’ per sospetto di Dengue. Magari dopo aver escluso altre malattie, aver chiesto se c’è stato un viaggio all’estero in zone endemiche. Oggi è però fondamentale tracciare i casi. Siamo a 28 nel Lazio. Bisogna capire se ci sono relazioni e analizzare anche dove andare a intervenire e prevedere anche l’evoluzione per non creare focolai”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quindici − 2 =