Italia zona bianca, addio al coprifuoco: ecco in quale regioni

0
139

Italia zona bianca: a partire dalla prossima settimana, in Italia, alcune regioni potranno dire addio al coprifuoco (e non solo). Con l’arrivo dell’estate e il calo dei nuovi contagi, dal 31 maggio, in zona bianca ci saranno Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna. Regioni che probabilmente saranno raggiunte da Abruzzo, Puglia e Veneto il 7 giugno.

Ti consigliamo come approfondimento – Campi Flegrei, rischio esplosione. Gli esperti: “Intensa attività sotterranea”

Italia zona bianca: una situazione che cambia

italia zona biancaStanchi delle restrizioni, la zona bianca è desiderata da gran parte della popolazione italiana. L’Italia zona bianca, però, non significa liberi tutti: il rischio è sempre dietro l’angolo. Resta, infatti, l’obbligo della mascherina, in ogni caso.

Intanto, in tutto il Paese, già a partire da metà maggio si sta cercando gradualmente di aprire tutto. Dal 22 maggio, il sì alle aperture dei centri commerciali anche nel fine settimana in zona gialla. Per bar e ristoranti, pian piano le misure di restrizione si stanno alleggerendo, garantendo prossimamente anche il servizio all’interno dei locali.

Ti consigliamo come approfondimento – Revenge porn, Tiziana Cantone sarà riesumata

Italia zona bianca: cosa si può e non si può fare

italia zona biancaPer accedere alla zona bianca, ogni regione dovrà registrare per tre settimane consecutive un’incidenza del Covid sotto i 50 casi per 100.000 abitanti. Accedendo a questo nuovo colore, le regole saranno del tutto diverse:

  • Resta l’obbligo della mascherine e del mantenimento del distanziamento sociale;
  • Non ci sarà più il coprifuoco;
  • Si sta valutando il servizio di bar e ristoranti all’interno dei locali.
Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, violenta rissa: ragazzo ferito alla testa con bottiglia. Il video choc

In zona bianca, inoltre, è previsto che restino aperti centri culturali, centri sociali e centri ricreativi. Strutture la cui apertura, in zona gialla, slitterà al primo luglio.

Incognita perenne sono, invece, le discoteche. Aperte, molto probabilmente, ma senza ballare. Sì alla musica e al cibo, ma con limitazioni sulla pista da ballo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 × due =