Passeggero ebreo chiede di cambiare posto in aereo per motivi religiosi, ma viene fatto scendere

0
142
JetBlue discriminazione religiosa

JetBlue discriminazione religiosa: la compagnia è accusata di aver fatto scendere un passeggero ebreo ortodosso che chiedeva di cambiare posto per motivi religiosi. La compagnia sostiene che il pilota ha agito per ragioni di sicurezza, ma la vicenda solleva dubbi e dibattiti sulla politica aziendale.

Ti consigliamo come approfondimento-Napoli, taglio del governo Meloni all’assegno di sostegno per i disabili

JetBlue discriminazione religiosa per un posto

qantas covid-19, volo valencia napoliLa compagnia aerea JetBlue è stata recentemente coinvolta in un caso di presunta discriminazione religiosa e razziale, suscitando indignazione e dibattito. Abraham Lunger, un ebreo ortodosso, ha intentato una causa contro la compagnia aerea. L’uomo è stato fatto scendere da un volo per aver chiesto di cambiare posto a causa delle sue convinzioni religiose. L’incidente è avvenuto il 31 dicembre 2023, quando Lunger doveva prendere un volo notturno da Palm Springs a New York. La sua richiesta di cambiare posto era motivata dal suo credo religioso. Non poteva sedersi accanto a una donna a meno che non sia un familiare stretto o sua moglie.

Ti consigliamo come approfondimento-Agcom continua la guerra al “pezzotto”: minacce di chiusura di siti illegali e di multe fino a 5000 euro

JetBlue discriminazione religiosa: discussione con il pilota

qantas, volo valencia napoliPrima dell’imbarco, la moglie di Lunger aveva chiesto a un dipendente di JetBlue se il marito potesse prendere posto accanto a lei o vicino a un uomo. Tuttavia, nonostante questa richiesta, la coppia non è stata fatta sedere vicina. Quando Lunger ha visto che una donna stava per occupare il posto accanto a lui, si è alzato. Poi ha cercato di trovare un accordo con altri passeggeri per uno scambio di posti. Purtroppo, prima che potesse risolvere la situazione, un’assistente di volo gli ha ordinato di sedersi. Lui ha rifiutato di accettare la sua spiegazione riguardo alle sue convinzioni religiose. Altri passeggeri si sono offerti di aiutare. Il pilota è intervenuto dicendo a Lunger, sua moglie e un’altra donna che viaggiava con loro che sarebbero dovuti scendere dall’aereo.

Ti consigliamo come approfondimento-La Procura di Roma rinvia a giudizio Vittorio Sgarbi: sarebbe accusato di evasione fiscale e riciclaggio

JetBlue discriminazione religiosa: controversia in corso

Unione Europea viaggi virus cinese coronavirus italiaLa compagnia ha sostenuto che Lunger non avesse mai minacciato o costretto altri passeggeri. Secondo loro il pilota aveva deciso di farli scendere perché avrebbero potuto causare uno squilibrio di peso nell’aereo. Tuttavia, Lunger e le altre persone coinvolte hanno dovuto prenotare altri biglietti per il giorno successivo. Questi hanno pagato la differenza di prezzo e una tassa per il cambio del biglietto. JetBlue ha risposto al caso affermando di essere orgogliosa di servire milioni di clienti provenienti da contesti diversi. Sono convinti di fare del loro meglio per soddisfare le varie richieste. Ma hanno rifiutato di fornire ulteriori commenti a causa della controversia in corso. Questo episodio solleva importanti questioni sulla discriminazione religiosa e sulle politiche delle compagnie aeree. È essenziale che le aziende di trasporto pubblico assicurino che tutti i passeggeri siano trattati con rispetto e considerazione. Il tutto deve avvenire indipendentemente dalla loro religione o provenienza.