La bella addormentata: la fiaba rivive al Castello Lancellotti

0
250
la bella addormentata
Foto ripresa dai social del Castello Lancellotti

LAURO – Il Castello Lancellotti è stato lo scenario per una delle fiabe più amate. Il 27 e 28 aprile, la bella addormentata, anziché del freddo bosco, si è trasferita al castello. Tra gli elementi in stile gotico, rinascimentale e barocco, l’associazione il Demiurgo ha saggiamente rivisitato la fiaba storica della Disney. (Leggi anche – Il Re Leone: primo trailer italiano per il film Disney in live action ) Luci e musiche esaltano i dettagli storici della sala d’armi allestita con le sedute disposte a semicerchio. Una volta comodi, genitori e figli si prestano, inconsapevolmente, a vivere l’esperienza del teatro a tutto tondo.

La Bella Addormentata al Castello Lancellotti: la trama

la bella addormentataA luci spente, fa il suo ingresso Malefica (Roberta Astuti) che introduce il racconto accompagnata dal fedele corvo (Angelo Sepe). Un cambio di luci e si è teletrasportati al battesimo di Aurora. La scena fulcro della fiaba: la maledizione della strega per vendicarsi di Re Stefano (Franco Nappi). «Prima che il sole tramonti sul suo sedicesimo compleanno, ella si pungerà il dito con il fuso di un arcolaio e morrà!».

Passa il tempo e Aurora (Antonella Liguoro) è prossima al fatidico compleanno. La scena si anima grazie alle coreografie, con il canto e le irriverenze delle tre fate che la principessa chiama “zie”. Prese dai preparativi del compleanno, Flora (Roberta Frascati), Fauna (Manuela Urga) e Serenella (Gennaro Ciotola) incantano e rallegrano non solo i bambini. Segue il primo incontro con il Principe Filippo (Valerio Lombardi), l’infatuamento, la fuga, fino a giungere al momento della rivelazione. L’attenzione degli ospiti è massima al momento della scena madre. La principessa, colpita dalla maledizione, si addormenta: ma è davvero il bacio a farla rinvenire?

Leggi anche: Castello Lancellotti a Lauro: una storia che rivive

“La bella addormentata”: la morale oltre i versi

la bella addormentataQuando si parla delle fiabe disney si sa che oltre al “lieto fine” vi è un insegnamento. Spesso non è facile coglierne il senso fin da subito. La bravura degli attori e i contenuti di questa rivisitazione hanno sicuramente stimolato i giusti canali. Tra l’escalation delle paure umane, emerge la trasformazione del personaggio di Malefica. Il vero amore esiste, ma non è solo quello che un uomo può donare. È quel sentimento che, se coltivato, si erge nonostante delusioni, tradimenti e dolorose sconfitte. Aurora e Malefica si salvano reciprocamente donandosi perdono, compassione e fedeltà come ingredienti del vero amore che, “risvegliati dal sonno profondo”, salvano ciò che orgoglio, rancore e rabbia distruggono.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here