Laura Pausini, cubani in rivolta le bruciano i CD: “Comunista e castrista”. Lei risponde sui social

0
205
Laura Pausini cubani
Fonte: Twitter

Laura Pausini cubani esuli a Miami usano un rullo compressore per distruggere tutti i CD della cantante italiana. Ma perché? I fan cubani la accuserebbero di sostenere il governo cubano comunista di Miguel Díaz-Cancel. La cantante non ha fatto attendere la sua risposta sui social riguardo la questione. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Addio al “bravo ragazzo” di Scorsese, Ray Liotta muore d’improvviso a 67 anni

Laura Pausini cubani distruggono i cd: l’accusa di essere comunista 

Laura Pausini cubani
Fonte: Twitter

L’inizio della polemica e le relative forti accuse avrebbero come origine una foto di ben 4 anni fa. La Pausini nella foto incriminante sarebbe in posa insieme ad alcuni membri dei servizi segreti delle Forze Speciali fondate da Fidel Castro nel 1959. Gli esuli cubani che si trovano al momento a Miami hanno sottolineato come quel compartimento speciale venga usato dal Governo per reprimere la popolazione e qualsiasi forma di ribellione. I rifugiati politici in America hanno anche fortemente criticato Biden definendolo come per la Pausini un “comunistoide”. Nei giorni scorsi la protesta ai danni della Pausini è avvenuta nel quartiere di Little Havana.

Gli esuli politici hanno usato un rullo a compressore per disintegrare i CD della Pausini. La cantante si sarebbe dovuta esibire proprio a Miami in occasione del concerto “Amor a la Música”. Da qui sarebbero partite le proteste dei cubani residenti a Miami per non farla esibire. La Pausini ha annunciato alcuni giorni fa il suo ritiro, ma solo perché sarebbe positiva al Covid. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Un asteroide enorme arriverà da noi molto presto: ecco cosa succederà

Laura Pausini cubani le distruggono i cd, lei risponde sui social 

Twitter, Laura Pausini cubani Oltre la rivolta nel quartiere cubano di Miami, la polemiche e gli insulti ala cantante non si sono fatti mancare anche sui social. Nei giorni scorsi la donna è stata additata come castrista, comunista e amica di Díaz-Canel. Inoltre in molti hanno commentato e riposata la fatidica foto di 4 anni fa dicendo che la Pausini era “troppo felice e sorridente” in quella foto insieme a Forze Speciali definite dalla popolazione come repressive. La risposta della Pausini non si è fatta attendere. Già in polemiche precedenti ha usato Twitter per dire apertamente la sua opinione. Questa volta la cantante su Twitter scrive. “Ah quindi chi va a Cuba alimenta la dittatura? Non sapevo che funzionasse così. E allora se vieni in Italia che cosa alimenti? La pizza?”. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Manifestazione Vita 2022, la festa contro i diritti umani: “I gay sono un problema!”

Laura Pausini cubani in rivolta non solo contro di lei 

Laura Pausini cubani
(Photo by Eva Marie UZCATEGUI / AFP)

I cubani a Miami non si sono ribellati solo alla presenza di Laura Pausini al concerto “Amor a la Música”. Nella protesta i cubani si sono anche fermamente opposti alla presenza dei Los Van Van. Si tratta di un orchestra cubano accusata di sostenere la dittatura a Cuba. Per loro è stata avviata anche un petizione su Change.org. “Los Van Van è un gruppo musicale che storicamente ha sostenuto la dittatura cubana e collaborato con il governo; il loro sostegno incondizionato al Partito Comunista di Cuba ha fatto sì che la loro presenza non fosse ben accolta nel sud della Florida”. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

nove + 6 =