Lockdown Italia: si farà o no? Tutte le previsioni tra smentite e conferme

0
560
licenziamenti lockdown italia
Dal profilo Facebook ufficiale del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte

Lockdown Italia sì, lockdown Italia no. Nelle ultime ore sono molte le fonti e le testate giornalistiche che parlano di un’imminente chiusura del nostro Paese. Del resto, dopo le decisioni di Macron e Merkel, che rispettivamente hanno deciso per un lockdown imminente in Francia e Germania, non stupirebbe se anche l’Italia si allineasse agli altri Paesi Ue, adottando misure più dure. Analizzando poi i dati epidemiologici del nostro Paese, ci si rende conto che le restrizioni adottate finora non sono state sufficienti per limitare i contagi da Covid-19. Solo ieri il bollettino della Protezione Civile riportava 24.991 nuovi casi e 205 morti.

Ti consigliamo come approfondimento – In Francia lockdown nazionale? Nuove stette a partire da giovedì

Lockdown Italia: la smentita di Conte

decreto rilancio lockdown italia
Foto dalla pagina Facebook ufficiale di Giuseppe Conte

Durante un incontro con i sindacati Giuseppe Conte ha prontamente smentito l’ipotesi di un “imminente lockdown” in Italia. Al contempo, le sue parole non ne escludono totalmente la possibilità.

Ti consigliamo come approfondimento – Nuovo Dpcm, arriva firma di Conte: ecco tutte le novità

Se da un lato infatti il premier parla di fake news sul piano del governo che starebbe preparando un lockdown Italia a partire dal 9 novembre, dall’altro dichiara: “Diamo il tempo alle misure restrittive appena approvate di dispiegare appieno i loro effetti“. Dunque, se la curva del contagio non dovesse scendere con le disposizioni dell’ultimo dpcm, il passo successivo sarebbe proprio quello di una nuova chiusura?

Ti consigliamo come approfondimento – Proteste non solo a Napoli. L’Italia si unisce da Catania a Torino

Lockdown Italia: il piano del 9 novembre

lockdown coronavirus lockdown italiaA ogni modo Conte smentisce tutte le voci che circolano sulla fatidica data del 9 novembre. Tuttavia, sono molte le fonti governative che avrebbero confermato queste ipotesi, svelando le intenzioni del governo dei prossimi giorni. Nel dettaglio, sarebbe a breve in arrivo un nuovo Dpcm che annuncerebbe chiusure più “morbide” rispetto al lockdown precedente. Si seguirebbe dunque la linea della Francia, con strette mirate ma non totalizzanti.

A conferma, le parole di Agostino Miozzo, coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico: “Fra due settimane sapremo se abbiamo raggiunto il limite non compatibile. Capiremo se passare ad un intervento più radicale come quello che abbiamo già dolorosamente sperimentato a marzo e aprile. Solo con il rispetto rigoroso delle regole, il lockdown potrà essere ricordato come una brutta esperienza del passato”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre + cinque =