Shanghai, 20mila casi Covid al giorno: bambini piccoli costretti a separarsi dai genitori

0
146
lockdown shanghai

Lockdown Shanghai: la metropoli della Cina è messa alle strette a causa dell’aumento vertiginoso di casi. Il Covid-19, agendo nella sua variante Omicron, ha costretto l’intera città a fermarsi. Le famiglie sono state costrette a separarsi; sì, anche quelle con bambini piccoli. Lo scopo del governo – dichiaratosi impreparato dinanzi la nuova emergenza – è quello di metter fine a questo incubo al più presto.

Ti consigliamo come approfondimento – Ucraina, i soldati russi torturano e violentano molte donne e bambini

Lockdown Shanghai: l’impetuosa ondata Omicron

variante africana, manichetti lockdown no vax, omicron bassetti, hong kong criceti, bassetti covid ucraina,Da pochi giorni la città cinese di Shanghai è stata costretta a tornare in lockdown, a causa della nuova ondata di Covid-19 variante Omicron. Oltre 20mila nuovi casi e 26mila tamponi già effettuati – questi gli ultimissimi dati dell’emergenza sanitaria. Si tratta della quota più alta mai registrata da inizio pandemia in Cina. La chiusura generale sarebbe dovuta durare solo per una settimana, concludendosi ieri. Ma in seguito alle osservazioni dei numeri riportati, il lockdown a Shanghai prosegue. La metropoli conta all’incirca 25milioni di abitanti; se i contagi dovessero aumentare, sarebbe disastroso. Ecco perché sono stati accolti 38mila addetti al personale sanitario provenienti da tutta la Cina. La città è nel caos più totale, tra rigidissime regole da dover rispettare e ritardi dei delivery, parecchio consultati nell’ultimo periodo. Questa situazione, tuttavia, era prevedibile. La Commissione Municipale della Sanità di Shanghai aveva in precedenza dichiarato che era impreparata all’eventualità di affrontare una simile emergenza.

Ti consigliamo come approfondimento – Il corpo emerso dal Fiume Po è di Isabella Noventa o di Samira El Attar?

Lockdown Shanghai: le misure di prevenzione e il dramma dei bambini

Covid Italia decessiCome già affermato nel paragrafo precedente, è necessario impedire che i contagi aumentino ancora di più. Il fiume è già straripato, ma si tenta comunque di arginarlo. Il sistema governativo ha deciso che l’unico modo per limitare la maggiore diffusione della variante Omicron è piazzare un muro tra chi ha il virus in corpo e chi è in salvo. Ma questo va a danneggiare le famiglie, in particolar modo quelle comprendenti bambini piccoli. Qualora i figli dovessero risultare positivi ai testi igienici Covid-19, dovranno essere necessariamente separati dai propri genitori. Quest’ultimi sono stati definiti con un “non soddisfano i requisiti di accompagnamento [in strutture destinate esclusivamente al confinamento sanitario]”. Hanno diritto a rimanere tutti insieme solo se anche i più grandi saranno già infettati. Ciò ha suscitato un temporale di critiche e ribellioni, che hanno fatto di tutto per mettere alle strette chi siede sulle poltrone del governo.

Ti consigliamo come approfondimento – Di Maio minacciato di morte per un post contro Putin: “Speditelo nei Gulag”

Lockdown Shanghai: le strutture ospedaliere

ambulanzeLe proteste sono iniziate all’inizio della settimana corrente. Il governo cinese ha pertanto deciso di allentare leggermente la morsa delle restrizioni riguardanti il lockdown. Ma per la questione dei bambini non c’è storia: solo quelli con bisogni speciali potranno essere seguiti dai propri tutori. Sarebbe necessario firmare un modulo, confermando di essere a conoscenza dei rischi a cui andrebbero incontro. Un’altra strategia per bloccare l’aumento dei casi è l’apertura di altre aree ospedaliere, seppur temporanee. Il più grande ospedale temporaneo di Shanghai è lo Shanghai New International Expo Center. Esso possiede un totale di 15mila posti letto – di cui la metà è già stata completamente occupata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

undici − sette =