Lodi, la titolare della pizzeria, divenuta un caso mediatico, trovata morta. Si indaga per istigazione al suicidio

0
242
Lodi titolare pizzeria suicidio
Fonte Facebook

Lodi titolare pizzeria suicidio: la titolare della pizzeria Le Vignole nel lodigiano trovata morta nel Lambro diventa un caso. Secondo indiscrezioni la donna si sarebbe suicidata ed è stata aperta un’inchiesta per istigazione al suicidio.

Ti consigliamo come approfondimento-Lodi, recensione shock in una pizzeria: “Ero seduto vicino a gay e disabili. Non tornerò più!”

Lodi titolare pizzeria suicidio dopo gli attacchi sui social?

Lodi titolare pizzeria suicidio
Fonte Facebook

Una vicenda paradossale è accaduta a Lodi in pochissimi giorni che ha coinvolto una pizzeria di Sant’Angelo Lodigiano, Le Vignole di via XX Settembre. Nella giornata di venerdì si diffonde in tutta Italia la storia di una recensione shock su Google. In essa un cliente lamentava una “massiccia presenza” di disabili e omosessuali. Ad essa si era susseguita una magistrale risposta da parte della titolare. Ma nel giro di pochi ore, sui social, si fece sempre più compatto il numero di chi non credeva alla vicenda. Tanto che giravano sui social post che parlavano allo scandalo e la tacciavano come fake news. Domenica mattina la notizia shock: la ristoratrice titolare del locale viene trovata morta tra le acque del fiume Lambro, a due passi da casa. Gli inquirenti sarebbero convinti che si tratti di suicidio.

Ti consigliamo come approfondimento-Cinghiate e insulti al figlio 11enne disabile: arrestato papà a Sassari

Lodi titolare pizzeria suicidio: aperta inchiesta

pulizia covid-19 calabria autodichiarazione, concorso cancellieri esperti decreto legge pasqua, riforma giustizia processo penale, processo clan mascitelli reddito cittadinanza, cina magistrato robot, polizia protesta pensioniSulla vicenda, intanto, la Procura di Lodi ha aperto un fascicolo per istigazione al suicidio. Tra domani e giovedì sono in programma l’autopsia e l’esame tossicologico. Sotto l’occhio della compagnia dei Carabinieri di Lodi ci sarebbero anche i dispositivi elettronici della donna. La vittima insieme al marito Nello D’Avino gestisce da decenni il locale in centro a Sant’Angelo Lodigiano. Le indagini coordinate dal Procuratore di Lodi Maurizio Romanelli si concentreranno anche sulla veridicità di quel post pubblicato dalla ristoratrice, per cui sono state richieste informazioni a Google. Gli inquirenti cercheranno inoltre di ricostruire se e come la pressione mediatica e social possa aver influito sulla tragica decisione finale. Inoltre, si cercherà di capire quanto ciò accaduto possa aver pesato nella condizione psichica della donna. Infatti, la donna proprio 13 anni fa aveva perso un fratello nello stesso modo.

Ti consigliamo come approfondimento-Femminicidio, morta donna accoltellata 30 volte dal compagno. L’uomo è in ospedale per le sue condizioni psichiatriche

Lodi titolare pizzeria suicidio: la recensione shock

Recensione shock pizzeriaFacciamo un passo indietro ecco la recensione shock sui social. Poche righe che non sono passare inosservate. Come ormai abitudine i clienti affidano ai social un resoconto della propria esperienza. Quella lasciata dal cliente indispettito non è passata inosservata ed è diventata un caso, riportato dagli stessi titolari dell’attività sulla propria pagina Facebook. Questa la recensione: “Mi hanno messo a mangiare di fianco a dei gay, non mi sono accorto subito perché sono stati composti, e un ragazzo in carrozzina che mangiava con difficoltà, mi dispiaceva ma non mi sono sentito a mio agio. Peccato perché la pizza era eccellente e il dolce ottimo, ma non andrò più”. Immediata la risposta dei titolari che hanno elegantemente dato il benservito al cliente. La pizzeria ha promosso anche iniziative come la “pizza sospesa” proprio per disabili e le loro famiglie.