Lucca, esplode una palazzina: madre incinta partorisce prima di morire

0
847
Lucca esplosione palazzina,

Lucca esplosione palazzina, madre incinta prima partorisce prima di morire. Il riferimento è a Debora Pierini, giovane madre che era incinta al momento dell’esplosione del 27 ottobre che ha riguardato una palazzina di Torre. Nell’esplosione sono morti una coppia di coniugi mentre Debora era stata estratta dalle macerie. Dopodiché, visto il suo stato incinta, si è optati per un parto cesareo d’urgenza. La donna purtroppo non è riuscita a sopravvivere ma prima di morire ha dato al mondo una vita. Intorno a lei si stringe tutta la comunità di Lucca.

Ti consigliamo come approfondimento – Ostia, esplosione distrugge negozio di pokè: “Hanno dato fuoco al nostro locale per fermarci”

Lucca esplosione palazzina: indagini in corso

Lucca esplosione palazzina, Ostia bomba pokè, Campania esplosione commissariato,Ad occuparsi dell’inchiesta riguardante l’esplosione della palazzina è la procura di Lucca. Un’esplosione che è costata la vita non soltanto a Debora Pierini ma anche a Luca Franceschini e Lyudmyla Perets. Per l’accaduto sono indagate al momento 37 persone. Si è accertato, pare, che la deflagrazione sia scaturita dall’interno dell’edificio a due piani, suddiviso in due unità immobiliari. Oltre alle tre vittime risultano esserci anche tre feriti interni alla palazzina ed altri due, camionisti, che si trovavano lungo la strada al momento dell’esplosione. Le “buone” notizie sono quella del parto di Debora e della figlia di Lyudmyla. Quest’ultima infatti al momento dell’esplosione si trovava a scuola.

Ti consigliamo come approfondimento – Pesaro pacco bomba sospetto all’Agenzia delle Entrate: si aspettano gli artificieri

Lucca esplosione palazzina: le ipotesi dell’accaduto

Lucca esplosione palazzina, Ostia bomba pokè, Campania esplosione commissariato, ucraina asilo,Ancora indagini in corso su quanto accaduto quel 27 ottobre. L’ipotesi più acclarata è quella di una possibile fuga di gas. Tuttavia, ancora non si è certi su cosa abbia potuto scaturire quest’ultima. Sono stati intento inviati avvisi ai direttori, vertici e consiglio di amministrazione delle aziende di distribuzione del gas coinvolte. Così come avvisi di garanzia sono stati diramati anche nei confronti di coloro che hanno istallato l’impianto a bombola di Gpl. Stesso discorso anche per il proprietario ed il locatorio della bifamiliare coinvolta. Così come per il titolare e gli esecutori dei lavori degli impianti fognari dell’altra casa.

Ti consigliamo come approfondimento – Paura in un’azienda di mattonelle: ritrovata una bomba. Viene dall’Ucraina?

Lucca esplosione palazzina: solidarietà e sostegno dal comune

Lucca esplosione palazzina,Il Comune di Lucca, in seguito alla notizia della morte di Debora ha diramato un comunicato di cordoglio. “L’amministrazione e la città si stringono intorno alla famiglia” si legge. “In un cordoglio difficile a esprimersi con le parole”. Poi: “Siamo comunità anche nel grande dolore di una giovane vita spezzata” scrive Mario Pardini, sindaco della città. Inoltre è stato reso noto che sarà attivato, da parte del comune, un conto corrente per raccogliere fondi a sostegno delle vittime di Torre. “Potranno confluire donazioni di soggetti pubblici e privati”. Sostegno che verrà realizzato anche tramite raccolte fondi con diverse iniziative. Come già accaduto con l’asta di beneficenza durante il Lucca Comics.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × 1 =