Lucia Azzolina – Gian Burrasca, protagonista di chiacchiere esilaranti e divertentissime

0
307
Lucia Azzolina
Facebook di Lucia Azzolina

Il Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina non smette mai di stupire. Ancora una volta la scuola al centro delle attenzioni viste le scelte a dir poco distruttive; sembra quasi di vivere in un film di commedia con forme esplosive e di capacità estrema da regalare sorrisi, anche perché ormai non ci sono più lacrime da offrire. Restano tutti stanchi e abbattuti: il personale scolastico, i docenti, le famiglie e gli alunni stessi.

Ti consigliamo come approfondimento – Primo giorno di scuola: 5,6 milioni di studenti tornano in classe

I mezzi utilizzati e gli errori evidenti

Ministro dell'Istruzione

Dai banchi con le rotelle, alle promesse ai docenti, ormai davvero stremati, poiché le scelte di assunzione tramite call veloce non hanno sortito effetto positivo e le graduatorie provinciali sembrano essere un disastro che la stessa Azzolina definisce, in merito a errori evidenti: “piccole falle”. Le continue apparizioni in tv da parte del Ministro dell’Istruzione hanno prima rassicurato i docenti con un posto in cattedra agli inizi di settembre, poi la Azzolina ha continuato garantendo, per l’inizio delle attività didattiche, una posizione in cattedra. Alla fine definisce come termine ultimo il giorno giovedì 24 settembre; in quella data tutte le cattedre saranno coperte dai docenti.

Ad oggi, invece ci sono più della metà degli Uffici Provinciali che non hanno pubblicato nemmeno i posti relativi alle disponibilità residue per le classi di concorso mancanti. La maggior parte infatti ha divulgato prima le liste riguardanti i docenti di sostegno e che non sono ancora ultimate. Quindi con quale certezza si procederà poi per le ulteriori convocazioni relative alle altre cattedre mancanti? Un altro problema, anche abbastanza evidente: le cattedre mancanti pervenute dagli Ex Provveditorati agli Studi, non sembrano garantire la copertura delle mancanze in organico di tutte le cattedre. Dove sono finiti i posti vacanti? Siamo alla ricerca di una risposta che sembra abbastanza chiara.

Ti consigliamo come approfondimento – Scuola, a settembre 200.000 cattedre vuote. Ecco la soluzione del Ministero

Lucia Azzolina, il ministro che non sbaglia mai

Ministro dell'Istruzione
Instagram di Lucia Azzolina

Beh, questa sarà l’ennesima marachella poiché a breve, si spera prima delle vacanze natalizie, ci saranno le convocazioni per l’organico covid-19 e magari questa è una delle risposte chiare al cospetto dei tanti posti mancanti e non consegnati per le convocazioni valide per le GAE e GPS. Lucia Azzolina ha affermato che il suo lavoro svolto, impeccabile e determinato poiché lei non sbaglia mai, ha ridato vita alla nostra scuola, e magari non si ricorda che negli anni precedenti, per quanto difficili e drammatici, almeno ad oggi, metà settembre, era assicurato ai professori un posto di lavoro e quindi uno stipendio per circa un anno.

Ti consigliamo come approfondimento – Trasferimento scuola 2020: soddisfatte oltre la metà delle richieste di mobilità

La realtà dell’organico scolastico

Ministro dell'IstruzioneOggi, invece, le cattedre vuote sono circa 70 mila. E non contiamo la mancanza del 60% di docenti per il sostegno non ancora assegnati. Infatti gli Uffici Provinciali sono ancora alle prese con ricorsi e continue pubblicazioni per gli aggiornamenti e/o errata corrige delle graduatorie provinciali, volute con forza dal Ministro, dove emergono errori evidenti. In particolare questo sistema nuovo di valutazione titoli ha rilevato una forte disparità a sfavore dei docenti storici. Stiamo parlando di quelli che realmente hanno garantito la didattica e dedicato la propria vita alla scuola italiana.

Infine, per questo nuovo anno scolastico, oltre al personale scolastico, mancano anche i banchi. Questa risulta essere l’evoluzione degli ultimi vent’anni di cui parla Lucia Azzolina.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here