Luciano De Crescenzo: Napoli nel mondo grazie alle sue perle

0
144
luciano de crescenzo 2

ROMA – Il giorno 18 luglio, a quasi 91 anni, si è spento lo scrittore Luciano De Crescenzo. Una perdita importante per la cultura italiana quella dell’ingegnere filosofo che ha portato Napoli nel mondo con le sue perle divenute un pezzo della storia partenopea. Scrittore, attore, regista, persino fotografo, il creatore del professor Bellavista ci lascia in eredità un bagaglio culturale fatto di libri, citazioni e film divenuti cult. Napoli gli darà l’estremo saluto domani alle 10.30 nel complesso di Santa Chiara, nel cuore dei Decumani.

Ti consigliamo questo approfondimento – Napoli ritorna Magna Grecia: riaperta al Mann l’ala dedicata

Luciano De Crescenzo: dalla IBM alla filosofia greca

luciano de crescenzo

Nato a Napoli nel quartiere San Ferdinando il 18 agosto 1928, frequenta le scuole elementari insieme a Carlo Pedersoli, in arte Bud Spencer. Si laurea in ingegneria elettronica all’Università di Napoli Federico II. Comincia la sua carriera da ingegnere fino a diventare dirigente della sede milanese dell’IBM, leader nel settore informatico. Ci resta per circa vent’anni fino a quando decide di lasciare il lavoro certo per la sua vera passione: la scrittura.
Amante della filosofia greca, è autore di oltre quaranta libri tradotti in 21 lingue. Tra le sue numerose opere ricordiamo:

  • Così parlò Bellavista (da cui è tratto l’omonimo film);
  • Oi dialogoi;
  • Il dubbio;
  • Storia della filosofia greca. Da Socrate in poi;
  • Il caffè sospeso.

Tra i suoi film ricordiamo invece: 32 dicembre; Croce e delizia; Il mistero di Bellavista. Tra i film in cui è apparso come attore ricordiamo Sabato, domenica e lunedì di Lina Wertmüller
Il pap’occhio di Renzo Arbore.

Ti consigliamo questo approfondimento – Dante parlato oggi: quando citiamo il sommo poeta senza saperlo

Napoli nel mondo con le sue citazioni

luciano de crescenzo

Con le sue citazioni Luciano de Crescenzo è riuscito a portare Napoli in tutto il mondo, raccontandone le diverse sfaccettature. Tra le più famose ricordiamo:

  • I sorsi di caffè napoletano: brevi, gustosi, ma capaci di salire nelle vicinanze del cervello e fargli un po’ di sano solletico.” (dal libro “Il caffè sospeso”)
  • “Napoli per me non è la città di Napoli ma solo una componente dell’animo umano che so di poter trovare in tutte le persone, siano esse napoletane o no. A volte penso addirittura che Napoli possa essere ancora l’ultima speranza che resta alla razza umana.” (Tratta dal film “Così parlò Bellavista”)
  • “La doccia è milanese perché ci si lava meglio, consuma meno acqua e fa perdere meno tempo: quindi è produttiva. La vasca invece è un incontro con i pensieri, è un appuntamento con la fantasia, è napoletana.” (dal film “Così parlò Bellavista”)
Ti consigliamo questo approfondimento – Dialetto napoletano: l’Accademia della Crusca pubblica il primo vocabolario

Altre citazioni

  • luciano de crescenzo

    Siamo angeli con un’ala sola, solo restando abbracciati possiamo volare.” (dal film “Così parlò Bellavista”);

  • “Quando hai paura di qualcosa, cerca di prenderne le misure e ti accorgerai che è poca cosa.” (dal libro “Storia della filosofia greca. Da Socrate in poi”);
  • Gli uomini si dividono in uomini d’amore e uomini di libertà.” (dal film “Così parlò Bellavista”);
  • La parola esagerazione non esiste nel vocabolario dell’amore.” (dal film “Così parlò Bellavista”);
  • Solo gli imbecilli non hanno dubbi. Ne sei sicuro? Non ho alcun dubbio!” (dal libro “Il dubbio”).

NOI DI INFORMA PRESS LO RICORDEREMO SEMPRE COSÌ…

ADDIO CARO “PROFESSORE”!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here