M5s, tribunale boccia Statuto: Conte non è più il presidente del Movimento

0
369
M5s Conte

M5s Conte non è più il presidente. Lo Statuto che aveva permesso la sua elezione ad agosto è stato abolito dal Tribunale di Napoli. Sulla vicenda si è espresso l’esponente Beppe Grillo questa mattina: “La situazione è complicata. Ma le sentenze si rispettano”. 

Ti suggeriamo come approfondimento – M5s, Conte-Grillo aria di divorzio? Possibile lo strappo dell’ex Premier

M5s Conte perde la carica di Presidente 

M5s Conte, conte reddito di cittadinanza
Giuseppe Conte, dalla sua pagina Facebook ufficiale

Bufera all’interno del Movimento 5 Stelle. Il leader politico Giuseppe Conte, che era diventato presidente del movimento la scorsa estate, è decaduto. Il Tribunale di Napoli ha sospeso le delibere che nell’agosto scorso aveva varato per permettere l’elezione di Giuseppe Conte. Nell’avviso ufficiale del Tribunale si legge che tale decisione è in via cautelare per verificare la presenza di possibili “gravi vizi nel processo decisionale”. La decisione del Tribunale è il risultato del ricorso di alcuni attivisti napoletani del movimento. Questi denunciano che per l’elezione di Conte ci sia stata l’esclusione di oltre un terzo degli scritti e che il quorum di approvazione non sia stato in realtà mai raggiunto. “Noi siamo dentro il Movimento, per questo abbiamo potuto presentare ricorso. Dietro di noi ci sono centinaia di iscritti che ci hanno supportato”. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Conte nuovo leader M5S? Il professore ritorna per risanare il Movimento

M5s Conte decade, le parole di Grillo 

grillo voto rousseau, m5s conte Sulla questione estremamente delicata si è esposto stamattina Beppe Grillo con un post su Facebook. “A seguito dell’ordinanza del Tribunale di Napoli, ha acquisito reviviscenza lo Statuto approvato il 10 febbraio 2021. Le sentenze si rispettano. La situazione, non possiamo negarlo, è molto complicata. La strategia portata avanti all’interno del Movimento sempre essere per ora quella del dialogo. Come scrive Grillo ci sarà a breve “un momento di confronto anche con Giuseppe Conte. Nel frattempo, invito tutti a rimanere in silenzio e a non assumere iniziative azzardate prima che ci sia condivisione sulla strada da seguire”. Da queste parole sembra quindi trasparire il timore per azioni avventate che potrebbero portare alla dissoluzione del Movimento. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × 5 =