M5s rischio scissione. Lezzi: “Possiamo votare ‘No’ a Draghi!”

0
158
m5s scissione

M5s scissione – La situazione in casa 5 stelle resta complicata, anzi si può dire che la situazione possa addirittura peggiorare. Dopo l’ok all’ingresso nella compagine del nuovo Governo Draghi, nuovi parlamentari pentastellati iniziano a far emergere i propri malumori. Tra di essi c’è Barbara Lezzi che chiede che si torni a votare sulla piattaforma Rousseau. In caso contrario, il voto alla fiducia sarà un ‘No’. 

Ti consigliamo come approfondimento – Giuramento del Governo Draghi: sobrietà e rispetto delle norme anti-Covid

M5s scissione, Lezzi: “Chiediamo una nuova consultazione”

m5s scissioneDopo la fuoriuscita di Alessandro Di Battista, altri parlamentari hanno fatto emergere il proprio malcontento nei confronti del nuovo governo Draghi. Barbara Lezzi affida alla sua pagina Facebook il compito.

Nel suo post, Barbara Lezzi, afferma che il quesito dell’11/02/21 è stato disatteso dalla realtà. Questo perchè la formazione del super-ministero (che vedeva l’accorpamento del Mise con il Ministero dell’Ambiente) non è avvenuta. Per tutte queste ragioni, la parlamentare ritiene che sia opportuno ripetere il voto sulla Piattaforma. Qualora non fosse possibile, Lei, e presumibilmente altri ortodossi, sono pronti a votare ‘No’ alla fiducia. 

Ti consigliamo come approfondimento – Di Battista lascia il M5S: “Mai con Forza Italia. Devo farmi da parte”

La replica di Beppe Grillo: “O di qua o di là. Scegliete!”

grillo voto rousseau m5s scissioneBeppe Grillo cerca di chiamare a raccolta il Movimento 5 stelle sulle prospettiva che il Governo Draghi può offrire. E Grillo lo fa nel suo solito modo, invitando gli iscritti (ma soprattutto i parlamentari) a immaginare il futuro. Invita il popolo pentastellato a commuoversi per le generazioni che verranno, “perché solo chi è capace di commuoversi per il futuro, può essere considerato un ragazzo del 2099″. Questi ultimi sono in grado di ricondurre il benessere non nel produrre di più, ma nel vivere meglio. Coloro che non sono in grado di fare tutte queste cose sono “ragazzi del 1999. Un ragazzo che potrebbe essere giovane d’età, ma con dei pensieri vecchi“. 

Di sicuro emergono due posizioni contrapposte, tra governisti e ortodossi, che, qualora non dovessero trovare una sintesi, porterebbero a una scissione.  

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

nove + diciassette =