Mafia Giovanni Brusca scarcerato: torna libero il responsabile della strage di Capaci

0
149
Mafia Giovanni Brusca scarcerato
Foto da Wikipedia

Mafia Giovanni Brusca scarcerato: ha lasciato il carcere dopo 25 anni il boss pentito, che fu fedelissimo del capo dei capi di Cosa nostra, Totò Riina. Torna in libertà per fine pena, quindi, il responsabile della strage di Capaci e dell’uccisione del piccolo Giuseppe Di Matteo. Secondo quanto riportato dall’ANSA, ha lasciato nella giornata di ieri, 31 maggio, il penitenziario di Rebibbia, a Roma. Si apprende che è uscito con 45 giorni di anticipo rispetto alla scadenza della condanna. Sarà sottoposto a controlli e protezione e a quattro anni di libertà vigilata, come deciso dalla Corte d’Appello di Milano.

Ti consigliamo come approfondimento-Ragazza violentata dal padre perché lesbica. Lei denuncia. “Ora sono più forte”

Mafia Giovanni Brusca scarcerato: da boss a pentito

Mafia Giovanni Brusca scarcerato

Il 23 maggio del 1992, fu proprio Brusca ad azionare il comando che innescò la strage di Capaci. Si rese così responsabile della morte del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e dei tre agenti di scorta Rocco Dicillo, Vito Schifani e Antonio Montinaro. Fu arrestato nel 1996 e dopo alcuni anni decise di diventare collaboratore di giustizia. Oltre alla strage di Capaci, Brusca ha avuto un ruolo di primo piano nell’uccisione del piccolo Giuseppe Di Matteo. Il figlio del pentito Santino fu ucciso e sciolto nell’acido a soli 15 anni. A Brusca vengono attribuiti altre decine di omicidi di mafia. Tuttavia ha già finito di scontare la propria pena. Avendo scelto di collaborare con la giustizia, infatti, il pentito ha ottenuto gli sconti di pena previsti dalla legge.

Ti consigliamo come approfondimento-Avellino, Giovanni difeso da brutale omicidio dalla mamma: “Non era solo”

Mafia Giovanni Brusca scarcerato: le parole di Maria Falcone

Mafia Giovanni Brusca scarcerato
Giovanni Falcone – Fonte “Facebook”

Umanamente è una notizia che mi addolora, ma questa è la legge, una legge che peraltro ha voluto mio fratello e quindi va rispettata. Mi auguro solo che magistratura e le forze dell’ordine vigilino con estrema attenzione in modo da scongiurare il pericolo che torni a delinquere, visto che stiamo parlando di un soggetto che ha avuto un percorso di collaborazione con la giustizia assai tortuoso. Ogni altro commento mi pare del tutto inopportuno“. Queste le parole di Maria Falcone, sorella del giudice Giovanni Falcone, dopo la notizia della scarcerazione per fine pena di Giovanni Brusca.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × 1 =