Malata di tumore deve aspettare il 2025 per gli esami: “Se pago 422 euro c’è posto domani”

0
199
Giusy Nocera Inferiore,

Malata attesa esami di oltre un anno, ma da privato gli esami sono disponibili in pochi giorni. È la denuncia di una malata oncologica al sistema sanitario pubblico. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Ferragni-Joker in copertina, il team legale: “Svilita nel giorno in cui la donna dovrebbe essere celebrata”

Malata attesa esami: il consiglio del medico curante 

Tumore campania morte, malata attesa esami A denunciare una donna malata di tumore che sotto consiglio del proprio medico curante avrebbe dovuto effettuare quattro esami diagnostici. Allo sportello pubblico i tempi d’attesa erano fino al 2025. Rivolgendosi ad un privato però la donna è riuscita a prenotarsi per il giorno successivo pagando però 422 euro nonostante fosse esente da ticket. La storia è sintomatico di un sistema sanitario pubblico da molto tempo al centro delle polemiche per le attese di esami ed interventi. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Un uomo si vaccina oltre 200 volte contro il Covid-19: si tratta di una rivoluzione immunitaria?

Malata attesa esami: la testimonianza della donna 

tumore cancro, malata attesa esami La donna di origine bergamasca ha denunciato la situazione in Lombardia, ma si tratta in realtà di un problema nazionale. “Mi sono allora rivolta al sistema privato, riuscendo a fissare i 4 esami per il 7 marzo. Pur essendo io esente totale da ticket, cioè pur avendo diritto a non pagare nulla alla luce della mia patologia, nel sistema privato mi troverò a sborsare in totale 422 euro. È chiaro che in Lombardia se un paziente ha i soldi, vive: se uno non li ha, rischia la vita”. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Stupro di Palermo, la prima sentenza: condannato l’unico minorenne a 8 anni e 8 mesi di carcere

Malata attesa esami: le protesta per le liste d’attesa

Giusy Nocera Inferiore, malata attesa esami Secondo le normative regionali quando il cittadino viene impossibilitato a ricevere assistenza a causa dei tempi d’attesa, il responsabile unico aziendale deve offrire una nuova struttura per garantire la prestazione. “la struttura scelta è tenuta ad erogare la prestazione con oneri a proprio carico chiedendo al cittadino di riconoscere il solo valore relativo al ticket se non esente”.