Malika si difende dalle critiche: “Perdonatemi. Ho fatto una scelta affrettata”

0
477
Malika scuse

Per Malika scuse a tutti coloro che le hanno fatto una donazione. Dopo le polemiche attorno all’acquisito di una Mercedes, la ragazza ammette lo sbaglio. Le critiche sulla 22enne toscana non si sono placate. Abbandonata anche dal suo agente che si dice amareggiato dopo averla aiutata pro bono. 

Ti consigliamo come approfondimento – Malika al centro delle polemiche: con i fondi si è comprata una Mercedes

Malika scuse: il post su Instagram 

Malika Mercedes, malika scuse
Fonte: Twitter

Dopo aver ricevuto il sostegno di migliaia di sconosciuti per essere stata cacciata di casa perché lesbica, oggi Malika si trova assalita dalle critiche. Colpa di una storia su Instagram, dove la 22enne viene immortalata nella sua nuova Mercedes che avrebbe pagato ben 17mila euro. Inizialmente la ragazza avrebbe affermato come la macchina fosse di proprietà della famiglia della fidanzata. La bugia è durata però poco e la 22enne toscana è stata criticata per aver speso dei soldi che inizialmente aveva promesso di donare in beneficenza. Dopo 24 ore di polemiche arrivano le prime scuse con un post su Instagram. “Non ho comprato un auto di lusso a vostre spese. Sono arrivata a Milano per ricostruire la mia vita. Ho comprato un auto di seconda mano. Si l’auto è una Mercedes che mi permette di non restare a piedi.” 

Ti consigliamo come approfondimento – Per Malika, la ragazza cacciata di casa perchè gay, raccolti 80mila euro

Malika scuse: il cane di razza e l’intervista 

ragazza cacciata casa, malika scuse
Malika durante l’intervista a Fanpage

Alla Mercedes si è aggiunta in queste ore la scoperta di un’ulteriore “spesa”. Malika avrebbe infatti acquistato un bulldog di razza per la cifra di 2500 euro. Una spesa che ha giustificato nell’intervista con Selvaggia Lucarelli. “Il cane è un bene di prima necessità. Sono amante di questa razza, e ho preso un bulldog. La Mercedes e il bulldog sono beni necessari.” Dopo la nuova ondata di gonna mediatica arrivano però altre scuse ufficiali. “La gogna me la prendo tutta, ma chi mi ci mette non è migliore di me. A 22 anni nessuno ha fatto uno sbaglio? Ho fatto una scelta affrettata. Magari dovevo trovarmi prima un lavoro.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dieci − quattro =