Proteggi il tuo cuore: le manovre salvavita

Intervista ad Antonio Ferraro, titolare di Auexde, azienda specializzata in tecnologie medicali e strumenti salvavita

0
851
ma

In caso di arresto cardiaco il tempo, più che mai, diventa prezioso per la propria vita. Infatti le possibilità di sopravvivenza si abbassano del 10% per ogni minuto che scorre. La tempestività di un trattamento efficace, come la defibrillazione precoce, può fare la differenza tra la vita e la morte. Solo in Italia si stima che ogni anno siano 60.000 i casi di morte per arresto cardiaco: con la defibrillazione il numero di decessi si abbasserebbe del 30%. Quindi un defibrillatore può diventare un indispensabile strumento salvavita. Non tutte le strutture sono però attrezzate in tal senso e non tutti sono in grado di utilizzare correttamente il DAE (defibrillatore automatico esterno). Proprio per questo, conoscere ed eseguire le giuste manovre salvavita in casi di emergenza può davvero fare la differenza. A spiegarcelo è Antonio Ferraro, titolare di Auexde, azienda che si occupa della vendita e dell’assistenza di defibrillatori.

Ti consigliamo come approfondimento – Defibrillatori: arriva la proposta di legge che li renderà obbligatori ovunque!

Manovre salvavita: parola a Antonio Ferraro di Auexde

Manovre salvavita
Antonio Ferraro di Auexde

Ciao Antonio, disporre di un defibrillatore nella propria struttura è sicuramente l’opzione più sicura per fronteggiare le situazioni di emergenza. Nel caso però non si disponga delle attrezzature adeguate, quali possono essere le manovre salvavita più adatte?

Il trattamento dell’emergenza in caso di pericolo di vita, compreso l’attacco cardiaco, si struttura in una serie di azioni da eseguire tempestivamente e in rapida successione. Queste azioni si rifanno a uno specifico protocollo di intervento rappresentato da una catena composta da diversi anelli intrecciati. Gli anelli compongono una precisa sequenza chiamata “Catena della sopravvivenza”. La defibrillazione precoce è solo uno di questi importanti passaggi (anelli). Pertanto, in mancanza di un defibrillatore nelle vicinanze, si consiglia di eseguire le altre azioni riportate nella “Catena della sopravvivenza”:

  • Attivazione del sistema di emergenze con la notifica tempestiva al personale di soccorso tramite il numero di emergenza (118 oppure 112);
  • RCP – Rianimazione Cardio Polmonare – che rappresenta un insieme di manovre (massaggio cardiaco e ventilazioni) di supporto alle funzioni vitali che di per sé non sono in grado di far ripartire un cuore in fibrillazione ma che permettono di guadagnare tempo in attesa dell’arrivo del DAE, mantenendo ben ossigenato il cervello”.
Ti consigliamo come approfondimento – Auexde e Salvamento Academy premiano gli “Artisti nel cuore”

Imparare e conoscere le manovre salvavita

Anche i meno esperti possono riuscire a effettuarle nella maniera corretta? Ci sono dei corsi specifici qui in Campania da poter seguire?

defibrillatori manovre salvavitaTutti possono imparare facili passaggi ed essere in grado di salvare delle vite. Mi preme ricordare che in Italia esiste un progetto scientifico e didattico sottoscritto dal Ministero dell’Istruzione e dal Ministero della Salute che prevede di insegnare nei prossimi anni a 500mila ragazzi, dalla prima elementare alla quinta superiore, le tecniche di primo soccorso, massaggio cardiaco e utilizzo del defibrillatore semi-automatico. Ritengo che questo progetto sia la risposta più concreta da dare a coloro che ancora hanno dei dubbi circa la semplicità di utilizzo di un defibrillatore e le possibilità di dare un aiuto concreto grazie alle manovre di primo soccorso.

Esistono in ogni caso, su tutto il territorio nazionale, centri dove è possibile effettuare dei corsi specifici per approfondire determinati concetti e intraprendere un percorso formativo. In questo modo si possono acquisire nozioni per affrontare le più comuni emergenze, passando dall’addestramento per l’utilizzo del defibrillatore fino alla prevenzione sulle manovre di rianimazione pediatrica per la riduzione degli incidenti mortali in tenera età. Soffocamento, SIDS (sindrome della morte in culla) e traumi vari che purtroppo ancora oggi esistono e uccidono migliaia di bambini ogni anno”.

Ti consigliamo come approfondimento – Nasce AR IRC: l’app che combatte l’arresto cardiaco

Altri consigli utili

Ci sono invece dei casi in cui tali manovre non possono sostituire l’efficacia di un defibrillatore?

manovre salvavitaL’arresto cardiaco improvviso è causato da un’anomalia del sistema elettrico cardiaco che impedisce al cuore di battere correttamente. Durante l’arresto cardiaco improvviso i ventricoli vibrano e non si contraggono in maniera efficace. Questo causa un fenomeno noto come fibrillazione ventricolare. Il cuore fibrilla e il ritmo non è più regolare. Il flusso di sangue al cervello è ridotto al punto da far perdere coscienza al soggetto colpito e farlo collassare. Il trattamento in questi casi deve essere:

• L’avvio immediato della RCP per mantenere il flusso di sangue ossigenato al corpo e al cervello;
• La defibrillazione precoce, per ripristinare il normale ritmo cardiaco, che va praticata entro 3-5 minuti dal collasso della vittima. Con questo trattamento le probabilità di sopravvivenza vanno dal 50% al 70%”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 − 3 =