Suicidio De Donno, procura avvia le indagini: sequestrati telefoni e pc

0
116
Mantova inchiesta morte De Donno

Mantova inchiesta morte De Donno – È notizia di queste ore che la procura di Mantova abbia deciso di aprire un’inchiesta sulla morte di Giuseppe De Donno. Alla base di tale decisione, ci sarebbe la volontà della procura di voler condurre ulteriori indagini per meglio comprendere alcuni elementi del caso e accertare se ci sia stata o meno la responsabilità di terzi. L’ex primario di pneumologia dell’ospedale Carlo Poma, padre della terapia anti covid con il plasma iperimmune, si sarebbe suicidato impiccandosi nella sua casa di Eremo di Curtatone. De Donno è stato poi ritrovato dai familiari.

Ti consigliamo come approfondimento – Nuova variante Covid negli USA. Biden estende l’emergenza

Mantova inchiesta morte De Donno: non sono chiare alcune dinamiche

Mantova inchiesta morte De DonnoViene riportato oggi su Ansa.it che la procura di Mantova ha aperto un’inchiesta sulla morte del dottor Giuseppe De Donno. L’uomo, ex primario di pneumologia dell’ospedale Carlo Poma e padre della terapia anti covid con plasma iperimmune, alcuni giorni avrebbe commesso l’estremo gesto. I sarebbe impiccato nella sua casa di Eremo di Curtatone. Alla base della decisione della procura, secondo quanto hanno fatto trapelare alcuni fonti investigative, ci sarebbero le motivazioni che avrebbero indotto De Donno all’estremo gesto.
Le autorità competenti, quindi, starebbero indagando per capire se il suicidio dell’uomo sia stato indotto o meno da terzi. Intanto, come si apprende su Ansa.it, i carabinieri e i magistrati hanno sentito i familiari. Ascoltati la moglie e i due figli. Sono stati posti sotto sequestro i cellulari e il computer del medico.

Ti consigliamo come approfondimento – Anthony Fauci, Consigliere Casa Bianca: “I vaccinati possono contagiare!”

Le ipotesi di alcuni colleghi

polizia, Mantova inchiesta morte De Donno De Donno non avrebbe lasciato alcun messaggio. Nessun biglietto per spiegare i motivi del proprio gesto. Malgrado ciò, da come si apprende dal Giornale.it, alcuni ex colleghi avrebbero dato la loro versione. Secondo questi ultimi, la scarsa fiducia nei confronti delle sue ricerche potrebbero aver rappresentato un contraccolpo psicologico. De Donno, infatti, aveva puntato e investito davvero tanto sul plasma. Veder abbandonata questa terapia nonostante avesse dato i suoi frutti è stato, forse, qualcosa che non ha digerito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 × 3 =