Marco Arturo Messina: a fare la differenza resta solo la sensibilità

0
383

Il dovere di non far spegnere le luci dei riflettori su un fatto di cronaca che diventa un momento di umanità. È quanto si è prefisso il poliedrico artista triestino Marco Arturo Messina nel ricordare l’ultimo saluto a Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, i due agenti uccisi nella questura di Trieste da due sospetti in stato di fermo. Il regista e fotografo (ma anche polistrumentista e ambasciatore UNESCO) ha mostrato in un video i funerali ai due agenti, svoltisi a Trieste nel cordoglio generale. Nessuna condanna o polemica, ma un monito: “a fare la differenza resta solo l’umanità“.

Ti consigliamo questo approfondimento – Iran, un muro di gentilezza contro la povertà

Marco Arturo Messina: la dedica al corpo dell’Arma

marco arturo messinaQuella di Marco Arturo Messina è una dedica spontanea rivolta all’intero corpo dell’Arma che ogni giorno difende la sicurezza collettiva. E in un lampo è diventata virale.

Oltre 70.000 condivisioni e migliaia di commenti pronti a riprendere la frase dell’artista. Nel video ritroviamo le immagini di una giornata italiana di lutto nazionale.

Ti consigliamo questo approfondimento – XXIII convegno “Giovani e futuro” 

Quell’abbraccio commosso

marco arturo messinaLa gente si stringe unita e abbraccia con lo sguardo, in religioso silenzio, i feretri di Pierluigi Rotta e Matteo Demenego, deceduti il 4 ottobre per mano di un altro giovane, Alejandro Augusto Stephan Meran. L’ abbraccio collettivo degli Agenti di polizia è l’immagine più significativa del video.

È l’umanità a fare la differenza, questo conta, questo ci chiede di evitare che episodi simili, seppur casuali, accadano nuovamente.

Ti consigliamo questo approfondimento – Polizia di Stato, al via il nuovo concorso

Marco Arturo Messina: il commovente video

Chi ha condiviso il video raccoglie le istanze presentate anche dai sindacati di Polizia. Le difficoltà sempre più pressanti li hanno costretti a uno sciopero nazionale a Roma il 22 ottobre.

Anche la parte sana della società si è resa conto dei rischi che le forze dell’Ordine corrono ogni giorno, quali rappresentanti ‘non tutelati’.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here