L’importanza di comprendere gli altri: cosa ci ha insegnato Marco Bellavia

0
73
Marco Bellavia depressione

Occorre osservare bene il caso Marco Bellavia depressione, isolamento, indifferenza, fino al bullismo. Tutto ciò è apparso sotto agli occhi dei telespettatori, davanti agli occhi di tutti. La colpa dov’è? Quali sono i comportamenti da evitare? E qual è la lezione da imparare? Sulla salute mentale non si scherza. Un disagio della mente è uguale a un disagio del corpo e così la salute mentale è uguale alla salute fisica. Quali sono i percorsi e gli strumenti per stare meglio?

Ti consigliamo come approfondimento – Gf Vip: gogna social per gli atti di bullismo contro Bellavia. Rischia di chiudere prima

Il caso Marco Bellavia depressione, bullismo e indifferenza: qual è la lezione da imparare?

Marco Bellavia depressioneL’esperienza di Marco Bellavia, al Grande Fratello VIP, è stata forse una delle peggiori nella storia del programma. L’ex conduttore televisivo e mental coach, in passato, ha sofferto di una forma di depressione che è tornata prepotente e potente nei suoi giorni nella casa più spiata d’Italia. Per tale motivo, Bellavia ha lasciato il programma per tornare a una tranquillità che gli facesse ritrovare equilibrio. Ma perché quella casa era così inospitale? Perché non poteva trovare lì per andare avanti? Le cause e i motivi sono tanti, di certo i concorrenti non hanno aiutato. Quanto trasmesso nell’ultima settimana del noto programma ha inorridito e spaventato milioni di telespettatori.

Inorridito perché l’atteggiamento dei concorrenti: l’indifferenza verso una persona che soffre; la mancanza di empatia davanti a delle lacrime solitarie; la totale assenza di rispetto e di riconoscimento di un disagio mentale. Spaventato perché tutto ciò non è soltanto uno show, ma la realtà di ogni giorno. Inutile ripetere i colpevoli e le loro colpe. Inutile ribadire le frasi dette e quelle che invece qualcuno avrebbe dovuto dire. Le somme da tirare sono altre: quale lezione imparare. I concorrenti, ieri sera, hanno avuto la loro lezione. C’è chi può reputare minima o giusta, poco importa. La lezione, però, è per tutti. Non bisogna ignorare e abbandonare una persona che soffre. Quale che sia la sofferenza.

Ti suggeriamo come approfondimento – Iran, arrestata italiana 30enne durante le proteste. Il grido d’aiuto del papà: “Vi prego aiutateci”

Marco Bellavia depressione e rinascita: quali sono i percorsi da seguire?

Il 10 ottobre ricorre la giornata mondiale per la salute mentale. Perché serve una giornata per sensibilizzare? Lo abbiamo visto in questi giorni. Non tutte le persone sono preparate a comprendere la sofferenza dovuta a un disagio o una patologia mentale. La depressione è un male molto diffuso, più di quanto si voglia ammettere. Più di quanto si riesca a credere. Basti comprendere i milioni di persone che in pandemia hanno iniziato a sentirsi isolate, che non riuscivano ad affrontare la quotidianità. La mancanza di forse, di voglia di andare avanti, di fare anche le più piccole cose. Marco Bellavia è un mental coach, il suo percorso nel GFVIP era volto a sensibilizzare proprio l’importanza della salute mentale.

Per continuare a imparare questa lezione occorre anche capire come superare o, almeno, lenire il male della depressione. Uno degli strumenti è la terapia psicologica. Affidarsi a un esperto, che sia uno psichiatra, uno psicoterapeuta, un analista. Insomma, una persona esperta nelle patologie, nei disturbi e nei disagi mentali. Un altro modo, però, è anche smettere di stigmatizzare la salute mentale. Smettere di sminuire, di ridicolizzare, di ignorare chi soffre di patologie mentali. Gravi o lievi che siano. A tal proposito, l’ENPAP, Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza degli Psicologi liberi professionisti, ha creato il progetto Vivere meglio. 5 milioni di euro stanziati per fornire un servizio di assistenza psicologica, della durata massima di 10 sedute. Chiunque può effettuare un test per validare le condizioni necessarie per accedere al servizio.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × uno =