Maria Del Monte si racconta: da bambina prodigio ad attrice di successo

0
528
Maria Del Monte

Colonna portante del teatro napoletano, l’artista partenopea Maria Del Monte è amatissima dal pubblico. Ha dedicato la vita a teatro, cinema e musica. Vanta collaborazioni con nomi illustri del panorama artistico nazionale. Con immenso onore e piacere, noi di Informa Press siamo riusciti a intervistarla.

Ti consigliamo questo approfondimento – Fabio Balsamo: un artista a tutto tondo

Maria Del Monte: i recenti successi

Maria Del MonteSignora Del Monte, prima del lockdown a causa del Covid-19, era in tour con “Rosso Napoletano” con Serena Autieri. Che esperienza è stata?

“Salve a tutti. Fortunatamente siamo riusciti a portare a termine la tournée prima della chiusura totale delle attività. Lo spettacolo ha riscosso un successo enorme ovunque. I teatri erano sempre pieni e il pubblico caloroso ed emozionato. È stato l’ultimo progetto che ho realizzato prima della quarantena. Ce n’erano tanti a cui stavo lavorando e che sarebbero stati realizzati nell’imminente. Speriamo riprenda tutto il prima possibile”.

Come nasce l’artista Maria Del Monte

Maria Del MonteLa sua vita si divide tra teatro, cinema e musica. Come è cominciato tutto?

“Da bambina mi divertivo a cantare e recitare in casa con le mie sorelle. Cantavo ai matrimoni e alle feste insieme a mio zio, il fratello di mio padre, che suonava la chitarra. Lui mi ha iniziata alla musica. Mio padre, invece, lavorava come direttore del personale al Teatro Tarsia, attuale Teatro Bracco, situato nel quartiere dove sono nata.

Un giorno andammo a vedere uno spettacolo. Era una gara di dilettanti – Il microfono è vostro – condotta da Nunzio Filogamo, uno dei primi presentatori Rai. Decisi che quella sera avrei cantato anch’io. Salii sul palco durante lo spettacolo. Avevo solo cinque anni e mezzo! In quell’occasione, Nunzio Filogamo mi battezzò con quello che poi è diventato il mio nome d’arte. Da Maria Esposito diventai Maria Del Monte, in onore del soprano Toti Dal Monte, per augurarmi il suo stesso successo”.

Ti consigliamo questo approfondimento – Ebbanesis lanciano “Schiara Juorno”, l’inedito nato in quarantena

Incontri importanti…

Maria Del MonteLa sua carriera è costellata di collaborazioni importanti: Cafiero-Fumo, Maggio, Merola, Peppe Barra, Nino D’Angelo, Salemme, Casagrande, Buccirosso, Siani, Garrone e molti altri ancora. Quale incontro l’ha particolarmente segnata?

“Sicuramente quello con Roberto De Simone. Apparteneva a un mondo che non conoscevo, l’opera, e la sua grandezza incuteva sempre molta soggezione in tutti. Tuttavia, imparai la mia parte alla perfezione e mi presentai alla prima prova. Fu emozionante: conoscevo la fama e la genialità del maestro, ma non l’avevo mai visto. Quando andai a ringraziarlo per avermi dato la parte, mi disse una frase che non dimenticherò mai: Non dovete ringraziare me, ma la vostra bravura. Fu un’esperienza piena di timori, ma di grande soddisfazione”.

Ti consigliamo questo approfondimento: Torna il drive-in? 

… e forti emozioni

Maria Del Monte“Ci tengo a raccontarvi anche un altro incontro molto importante. È una mancata collaborazione che comunque ha segnato la mia vita. Lavoravo in duo con Nino Formicola, un attore molto bravo, uno dei pupilli di Eduardo De Filippo. Fu proprio Nino a presentarmi al maestro, che rimase molto colpito dal timbro della mia voce. Ci accordammo per rivederci al ritorno della sua tournée a Berlino. Ma proprio a Berlino il mio amico Nino morì. Il dolore fu tale che scelsi di non tornare mai più da De Filippo. Non potevo sostenere l’idea di lavorare in quella compagnia senza il mio compagno di scena e grande amico Nino Formicola“.

Ti consigliamo questo approfondimento – Al Mazzini di Napoli gli studenti diventano capolavori

Il personaggio del cuore

Maria Del Monte Ci sono dei ruoli a cui è particolarmente legata?

“Uno dei ruoli che ho amato di più è proprio uno dei più recenti, ovvero quello della mamma nello spettacolo Rosso Napoletano. Si tratta di un personaggio complesso, con sfumature sia comiche che drammatiche. È molto difficile da interpretare perché ha cambi psicologici e di stati d’animo molto veloci. È stata una soddisfazione e una forte emozione calarmi in quei panni, li sentivo cuciti a posta per me“.

Ti consigliamo come approfondimento – Coronavirus e solidarietà culturale

L’arte si fa con amore

Maria Del MonteChe consiglio darebbe ai giovani artisti?

“Quando ho lavorato con Carlo Buccirosso, lui diceva che ero la prima attrice di esperienza che va d’accordo con i giovani. Ed è vero, io li prendo a cuore. Cerco di trasmettere loro ciò che i grandi hanno insegnato a me. Dico sempre che bisogna restare umili e con i piedi per terra. Molti si sentono arrivati per un passaggio televisivo o una comparsa. Invece l’arte è un lungo percorso, fatto di sacrifici, dedizione ed esperienza. Un’altra cosa fondamentale, soprattutto per le donne, è di non scendere mai a compromessi. È una strada che non porta da nessuna parte. L’arte è una professione che va fatta con amore. Richiede tempo e rinunce: riesci soltanto se lo fai col cuore“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here