Mascherine sequestrate Milano: aperte le indagini sulle “U-mask”

0
73
Mascherine sequestrate Milano

Mascherine sequestrate Milano: si alza un nuovo polverone riguardo una particolare tipologia di dispositivi di protezione. Si tratta delle U-mask, le note mascherine biotech, molto popolari tra i Vip. Il prodotto della U-earth Biotech è un dispositivo di protezione all’avanguardia, auto-sanitizzante e anti-proliferativo. Inoltre, è riutilizzabile fino a 200 ore di utilizzo effettivo. A seguito di una segnalazione di una ditta concorrente, però, la Procura di Milano ha sequestrato un campione di 15 mascherine e 5 filtri in dieci farmacie milanesi e nella sede della società. Sono aperte le indagini per comprendere la reale capacità di filtraggio del prodotto.

Ti consigliamo come approfondimento – Conte verso Quirinale per dimissioni: crisi pilotata? Ecco i possibili scenari

Mascherine sequestrate Milano: l’ipotesi di reato

Mascherine sequestrate MilanoUn’azienda concorrente ha fatto esaminare le U-Mask. E ha realizzato un esposto (con allegati gli esiti di analisi di laboratorio), in cui si sostiene che il filtro rimovibile, garantito per una durata di 150-200 ore, riuscirebbe a garantire un filtraggio tra il 70 e l’80%. Sarebbe quindi molto al di sotto del 98-99% delle Ffp3.

Si ipotizza, come atto dovuto, il reato di frode in commercio a carico di Betta Maggio, rappresentante legale della U-Earth Biotech di Londra e della sede di Milano. Il reato in questione sarebbe il 515 del Codice penale. Si dovrà chiarire, infatti, se i prodotti abbiano caratteristiche non conformi a quanto dichiarato dall’azienda produttrice.

Ti consigliamo come approfondimento – Assembramenti e proteste a Napoli per il rientro a scuola: “Vogliamo tutela”

Mascherine sequestrate Milano: la difesa dell’azienda

Mascherine sequestrate MilanoIn una nota, l’azienda ha chiarito la propria posizione in merito alla vicenda che la riguarda. Ecco ciò che è stato dichiarato: “Confermiamo che questa mattina su richiesta della Procura della Repubblica di Milano è stata svolta un’acquisizione documentale sul nostro prodotto U-Mask. Abbiamo collaborato attivamente con gli inquirenti, fornendo tutta la documentazione richiesta. Ribadiamo che il prodotto U-Mask rispetta pienamente le norme e le leggi in materia. Tutta la documentazione tecnica relativa ai nostri dispositivi è stata a suo tempo inviata – come prescritto dalla legge – alle Autorità competenti (Ministero della Salute) che, preso atto della correttezza della documentazione accompagnatoria e delle prove tecniche effettuate, ne ha disposto l’approvazione e la registrazione come dispositivi medici di classe uno. Siamo certi che le indagini in corso chiariranno la trasparenza del nostro operato“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 + undici =