Massimo Giletti e le minacce dal carcere: cosa è successo?

0
560
Massimo Giletti
Dalla pagina Instagram di "Non è l'Arena"

Che le scarcerazioni dei boss durante l’emergenza Coronavirus avessero destato clamore è ormai saputo. Tanto si è parlato della situazione proprio durante il periodo di emergenza sanitaria. E se ne è parlato anche nei salotti di alcune trasmissioni televisive che hanno affrontato l’argomento con dibattiti e discussioni. Tra queste rientra “Non è l’Arena”  trasmissione del giornalista Massimo Giletti in onda su La7.

Ti consigliamo questo approfondimento – Scarcerazioni facili, è scontro Bonafede – Di Matteo: la giustizia si piega ai mafiosi?

Massimi Giletti: le minacce dal carcere

massimo gilettiA svelare l’accaduto delle intercettazioni degli agenti del Gom (Gruppo Operativo Mobile della Polizia Penitenziaria). Queste rivelerebbero le parole del boss mafioso Filippo Graviano l’11 maggio, durante l’ora d’aria in carcere. Il fatto sarebbe accaduto il giorno dopo la messa in onda della trasmissione di Giletti in cui si discuteva proprio dello svuotacarceri e della mancata nomina del magistrato Nino Di Matteo a capo del Dap (Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria).

Ti consigliamo questo approfondimento – Stalking on line: come combatterlo sui social network

Il boss Graviano, condannato per le stragi del ’92 e del ’93 parlando con un altro detenuto durante l’ora d’aria avrebbe detto: “Quell’uomo… di Giletti e quel… di Di Matteo stanno scassando la minchia”. E ancora: Il ministro fa il suo lavoro e loro rompono i… Le loro proposte ideologiche non sono a favore di qualcuno o di qualcun altro”.

Ti consigliamo questo approfondimento – Reinserimento detenuti, da Scampia l’appello per una seconda chance

Le parole di Massimo Giletti

massimo giletti
dalla pagina Instagram di “Non è l’Arena”

Massimo Giletti, da parte sua, si dice molto dispiaciuto per essere venuto a conoscenza del delicato fatto soltanto tempo dopo l’accaduto. Dice al Corriere della Sera: “Quelli degli agenti del Gom sono ascolti che risalgono a maggio, ora siamo a luglio: non mi pare proprio normale che io non ne abbia saputo nulla. Quello che è grave è apprendere informazioni così delicate da un giornale piuttosto che dallo Stato e dalle istituzioni competenti. Pretenderei una maggiore attenzione da parte di chi ha sulla sua scrivania questo tipo di informazioni…”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × 4 =