Massimo Troisi rivive al cinema in “Da domani mi alzo tardi”

A ottobre il primo ciak del film su Troisi e sulla sua storia d’amore con Anna Pavignano

0
882
massimo troisi

Massimo Troisi è ancora oggi ricordato da tutti sempre con commozione e ammirazione. Ha lasciato un patrimonio di allegria e originalità dal successo intramontabile. È per questo che non smette di essere celebrato e omaggiato. Come in “Da domani mi alzo tardi”, il film del regista Stefano Veneruso, nipote di Massimo. È tratto dal romanzo omonimo scritto nel 2007 da Anna Pavignano, scrittrice, sceneggiatrice e compagna di vita di Troisi. L’uscita nelle sale è prevista per la primavera del 2020. Intanto, a fine ottobre si parte col primo ciak.

Ti consigliamo questo approfondimento – Set a Napoli: si girano in città cinque opere tra film e serie tv

“Da domani mi alzo tardi”: via alle riprese

Massimo Troisi
Foto da Wikipedia

È ufficiale: cominciano le riprese del nuovo film su Massimo Troisi. Primo set a piazza San Domenico Maggiore e nello studio dello scultore Lello Esposito (grande amico di Massimo). Si girerà a San Giorgio a Cremano, paese in cui è nato e cresciuto Troisi. Il film racconterà la vita dell’attore e il suo rapporto d’amore e di lavoro con Anna Pavignano.
Ci sarà anche un inedito di Pino Daniele, gentilmente donato dal figlio Alessandro.

Nonostante il progetto sia nato un po’ di anni fa, la sua gestazione è stata lunga per la difficoltà di reperire i fondi necessari. È un film parzialmente autoprodotto e realizzato anche grazie al contributo della Film Commission Regione Campania e di Rai Cinema Antenna.

Ti consigliamo questo approfondimento – Bud Spencer: Napoli omaggia il gigante buono del cinema italiano

“Da domani mi alzo tardi”: il cast

Massimo Troisi
Foto da Wikipedia

Il film sarà girato interamente in ingleseA interpretare Massimo Troisi sarà l’irlandese John Lynch, già visto in «Sliding doors», ma anche in serie tv internazionali come «The fall» e «Tin star».
Nel ruolo della Pavignano, invece, ci sarà l’attrice italo-americana Gabriella Pession.

La scelta si lega alla circolazione del film sul mercato americano. Tra l’altro, Veneruso si è formato al fianco di Massimo Troisi, ma ha vissuto per 20 anni negli States. Ha fatto, per esempio da aiuto regia a Martin Scorsese, Mel Gibson e a Michael Radford nel «Postino».

Ti consigliamo questo approfondimento – Napoli Film Festival: Lunetta Savino e la sua “Rosa” incantano il pubblico

Massimo Troisi: tra romanzo e film

massimo troisi 2Nella notte del 4 giugno 1994 i telegiornali diffondono la notizia della morte di Massimo Troisi. Si sono appena concluse le riprese del film “Il Postino”. È la pellicola che sta per rendere famoso l’attore anche negli Stati Uniti.

Nel romanzo della Pavignano, Massimo non è morto. Ha solo deciso di sparire per un po’ per far ambientare nel suo petto il cuore nuovo. Dopo 13 anni, ritorna e contatta Gaetano e Anna, suoi amici e collaboratori. E loro lo invitano a rimettersi subito a lavoro. Perché il mondo ha ancora bisogno di lui. E con la sua solita “pigrizia”, Massimo rassicura i suoi amici dicendo “Da domani mi alzo tardi“. All’obiezione che lui tardi ci si è sempre alzato, risponde: “No, mi sono sempre alzato tardissimo!“.

La Pavignano è autrice assieme all’attore delle sceneggiature di tutti i suoi film (eccetto Non ci resta che piangere). L’ha conosciuto nel 1978, ai tempi di Non stop e della Smorfia, il trio comico con Enzo Decaro e Lello Arena. E non lo ha mai abbandonato, neanche dopo la fine della loro relazione. Nel romanzo racconta quegli anni, l’infanzia, la famiglia, gli inizi, il successo, le battute famose, le tante donne di Massimo. Ma soprattutto il libro racconta una storia d’amore, la loro storia, fatta di tenerezze e occasioni perdute.

Massimo, pagina dopo pagina, torna vivo davvero. E così al regista e nipote Stefano Veneruso è venuta l’idea di scriverne una sceneggiatura e farci un film. Troisi ritorna così sul grande schermo. E in fondo, nel cuore di chi lo ha amato e lo ama ancora, Massimo non muore mai.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here