Mattarella scioglie le Camere: “Assenza di prospettive per maggioranza”. Si va al voto

0
906
mattarella scioglie le camere

Mattarella scioglie le Vamere, è finita. La diciottesima legislatura repubblicana si chiude anticipatamente. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, preso atto dell’irresponsabilità delle forze parlamentari, ha firmato il decreto di scioglimento delle Vamere. Una legislatura molto turbata e turbolenta, che ha visto tutto e il contrario di tutto. Ora la palla passa al popolo elettore.

Ti consigliamo come approfondimento – Governo Draghi, alta tensione sulle riforme: cadrà? Il commento di Renzi

Mattarella scioglie le camere: una legislatura travagliata

decreto rilancio lockdown italia, Mattarella scioglie le camere
Foto dalla pagina Facebook ufficiale di Giuseppe Conte

All’indomani del 4 marzo 2018, l’Italia era spaccata. Il maggioritario, ancora una volta, ha fornito uno scenario disastroso: nessuna coalizione aveva la maggioranza assoluta. Il Movimento 5 Stelle, allora primo partito, cercò intese. La trovò con la Lega di Salvini. E dopo un braccio di ferro con Mattarella, sul nome di Savona come ministro dell’economia, alla fine è iniziato il primo governo Conte, tra 5stelle e Lega.

Dopo un anno circa di governo, il governo cade. Non senza aver portato a casa i decreti sicurezza, con l’impennata di morti in mare, i navigator, gli interventi sulla giustizia di Bonafede e le modifiche all’esame di maturità del ministro Bassetti. Con un vero e proprio colpo di palazzo nasce il secondo governo Conte, che affronta la pandemia paralizzando il Parlamento e con costanti chiusure.

Dopo un anno e mezzo circa è arrivato poi il governo Draghi, che ha governato cercando di rilanciare l’economia e la credibilità internazionale dell’Italia, nel frattempo colata a picco.

Ti consigliamo come approfondimento – Draghi in Senato: “ricostruiamo il patto”.Ma 5stelle e Lega non applaudono

Mattarella scioglie le Camere: crisi di governo e dimissioni

draghi conferenza stampa, Mattarella scioglie le camereTre maggioranze completamente diverse in quattro anni e mezzo. Prima il Movimento con la Lega, poi i Grillini col PD e poi i Grillini con tutti. Tutte e tre le volte la maggioranza di governo non ha retto.

Ed è proprio dalla non fiducia al Decreto Aiuti degli uomini di Conte che la crisi si è aperta. E il centrodestra, senza farselo ripetere due volte, ha accettato il regalo. “Salvini e Meloni ringraziano Conte”: questa la lettura largamente diffusa sul web.

Malgrado il governo abbia ottenuto la fiducia, Draghi ha ritenuto di doversi dimettere, e l’impossibilità di trovare una sintesi ha portato alla fine di governo e legislatura. È chiara infatti la spaccatura. Da un lato chi sostiene Draghi: PD, Articolo Uno, PSI, Azione, + Europa, Italia Viva, Centro Democratico e altre piccole componenti. Dall’altro chi sceglie di non sostenere più l’agenda di governo, cioè tutti gli altri.

Ti consigliamo come approfondimento – Dimissioni Draghi, governo al capolinea. Quali possibili scenari?

Mattarella scioglie le Camere: la decisione del Colle

Mattarella, Mattarella scioglie le camere
Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica Italiana, dal sito ufficiale del Quirinale

Il Presidente della Repubblica, dopo questa ennesima crisi, non ha potuto fare altro che prendere atto della situazione e sciogliere le Camere.

“Come ufficialmente comunicato – ha dichiarato Mattarella – ho firmato il decreto di scioglimento per indire nuove elezioni entro 70 giorni come previsto. Lo scioglimento anticipato del Parlamento è sempre l’ultimo atto”.

“La situazione politica ha condotto a questa decisione. La discussione il voto e la modalità hanno reso evidente l’assenza di prospettive per una nuova maggioranza”, ha aggiunto.

Mattarella ha sottolineato che in vista ci sono “molti importanti adempimenti da portare a compimento nell’interesse del Paese”, aggiungendo che “a queste esigenze si affianca l’attuazione nei tempi concordati del PNRR”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × 4 =