Ischia: scoppia maxi rissa. Uomo inciampa su signora, 3 feriti 6 denunciati

0
61
rissa ischia

Rissa Ischia – Domenica dopo le 19 è scoppiata una maxi rissa su un bus in partenza da Piazza Trieste a Ischia. La motivazione è stata il gesto di maleducazione di un napoletano nei confronti di una donna ischitana. L’intervento dei carabinieri è stato l’unico modo di placale la lite. Il bilancio è di tre persone ferite, tra cui il conducente, e sei denunciati

Ti consigliamo come approfondimento – Ragazza morta a Pompei, cambia tutto: Grazia si sarebbe tolta la vita

Rissa Ischia: tutto è iniziato per un gesto scortese

rissa ischiaErano da poco passare le 19:00 quando, domenica 2 maggio a piazza Trieste a Ischia, è scoppiata una maxi rissa che ha visto coinvolti i passeggeri di un autobus. La rissa è partita da un gesto di maleducazione da parte di un 37enne napoletano nei confronti di una donna ischitana. L’uomo sembrerebbe essere inciampato, e di conseguenze caduto, su una donna senza poi chiederle scusa. Le scuse mancate hanno scatenato la reazione del marito, senegalese di 41 anni residente da anni a Ischia. Da lì la situazione sarebbe trascesa.

I protagonisti dell’accaduto sono una coppia ischitana e una famiglia napoletana, tutti incensurati. Dalle ricostruzioni dei testimoni emergerebbe che l’uomo abbia perso l’equilibrio quando il bus è partito. Nel momento in cui si sarebbe rialzato non ha porto le sue scuse alla donna. Il 41enne senegalese ha interpretato il suo gesto come maleducato e non rispettoso nei confronti della moglie. L’uomo non ha perso tempo a far notare al 37enne che il suo era un gesto scortese. Da lì è nata la discussione che ha assunto toni sempre più alti fino a sfociare alla violenza.

Ti consigliamo come approfondimento – 18enne stuprata dal branco, suo padre li difende: “Mia figlia era ubriaca”

Maxi Rissa Ischi: tre feriti e sei denunciati

rissa ischiaLa violenza è nata in seguito ad un pugno sferrato dal 41enne in pieno volto dell’uomo napoletano. Al che i suoi familiari sono corsi in suo aiuto, generando cosi una maxi rissa alla quale ha partecipato anche il conducente. L’autista si è infatti reso conto di ciò che succedeva alle sue spalle, ha parcheggiato l’autobus, per poi cercare di placale la rissa. Nel dividere i due l’uomo ha ricevuto un colpo al petto. Solo i Carabinieri sono riusciti a placare la lite.

Tre i feriti che sono stati poi accompagnati all’ospedale Rizzoli. Per il cittadino senegalese cinque giorni di prognosi, per il 37enne napoletano trenta giorni per la frattura del setto nasale e due giorni di prognosi per l’autista dell’autobus. Sei invece i denunciati per interruzione di pubblico servizio e lesioni personali gravi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × 3 =